Lunedì 17 Dicembre 2018 | 19:44

GDM.TV

i più visti della sezione

Turismo 2004: Puglia in pole position

Le attese con l'estate alle porte erano importanti, tanto che gli operatori turistici pugliesi iniziavano già a farsi i conti, specie dopo i rassicuranti dati dell'Osservatorio Nazionale sul Turismo che ha assegnato alla nostra regione il quinto posto nelle preferenze italiane e straniere. Le opinioni raccolte prima dell'estate tra gli addetti ai lavori e che non si sono avverate
La Puglia quinta regione più amata dai turisti italiani e stranieri, è il risultato per il 2003 conquistato dalla nostra regione, secondo i dati elaborati dall'Osservatorio Nazionale sul Turismo e le previsioni per la prossima stagione appaiono incoraggianti e solo di poco appannate dalla paura del terrorismo internazionale. Infatti, se le stragi a Madrid hanno sconvolto la coscienza sociale europea, non hanno modificato di molto le abitudini vacanziere: secondo un sondaggio, effettuato da Cirm per Confturismo sulle intenzioni degli italiani, più del 75% degli intervistati ha affermato che effettuerà un periodi di ferie nei prossimi mesi, mentre il 61% ha spiegato che il rischio attentati non influirà sulle sue scelte. Le mete preferite saranno in genere le più tradizionali: mare per il 43%, anche se cresce l'interesse per il viaggio culturale all'estero (14,6%) e per le città d'arte italiane (14,4%), da parte sua la montagna, anche in estate, non è da meno, attirando il 13,9% degli italiani.
E se si tratta di turismo marinaro o culturale la Puglia sta cercando di conquistare la pole position, forte dei recenti successi alla Bit di Milano, con lo stand letteralmente preso d'assalto da tour operator stranieri ed italiani, con un interesse che ha stupito e gratificato non poco gli operatori di settore pugliesi.
Certo i margini di miglioramento ci sono: nei trasporti che garantiscano buoni collegamenti con il resto d'Italia e l'estero, come sottolinea Luigi Manzionna responsabile della sezione pugliese del Faita, o nei servizi di accoglienza per i turisti più esigenti come spiega Francesco De Sario della Fiavet Puglia.
«La promozione turistica di un territorio parte anche da chi lo abita» evidenzia Edoardo Caizzi, presidente di Federalberghi, mentre il più delle volte i pugliesi sono gli ultimi a sapere di determinate iniziative culturali o turistiche che il loro territorio offre.
La terra di Puglia è magnifica nel territorio, nel clima e per sapori e cultura, solo che questi autentici tesori non riescono ad essere sufficientemente organizzati e valorizzati in una strategia unitaria di marketing territoriale: i successi di pubblico degli ultimi mesi sono sì frutto di sforzi da parte di operatori ed enti locali, ma anche di ricerca di nuovi posti per un turismo in continuo spostamento. La strategia vincente sarebbe destagionalizzare: riuscire cioè ad attirare il turista anche in periodi alternativi all'estate, accompagnandolo in gite alla scoperta dei nostri sapori perduti, della nostra storia, lungo un calendario che può snodarsi dal Carnevale al Natale, praticamente tutto l'anno.
A raccogliere i primi frutti del successo di una pianificazione territoriale accurata la valle d'Itria con i suoi trulli carichi di storia e cultura: grazie ai voli diretti Bari-Londra sono sempre di più i turisti inglesi che stanno acquistando e ristrutturando vecchie case e masserie nella zona, per passarci periodi lunghi o anche un solo week-end, come racconta soddisfatto Simone Pinto, sindaco di Castellana Grotte e presidente del consorzio «Trulli, grotte, mare», la nostra regione sembra stia sostituendo la Toscana nel cuore degli inglesi. Chi invece lancia un grido d'allarme è Antonio Mazzamurro, presidente della Comunità montana del Gargano: il turismo religioso garganico è in crisi e per il 2004 si prevede un'ulteriore flessione. Le responsabilità sono più che altro strategie sbagliate di promozione di un territorio tra i più belli di Puglia.
«La nostra regione si sta dimostrando molto trendy per il 2004» sottolinea il tour operator pugliese Massimo Salomone, l'augurio è di riuscire ad approfittare di questa tendenza per migliorare la qualità della nostra ospitalità, perché il turismo diventi in Puglia una vera e propria industria, organizzata ed efficiente.
Rita Schena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti