Lunedì 17 Dicembre 2018 | 17:36

GDM.TV

i più visti della sezione

Nei tuffi solo ottava Tania Cagnotto

tuffi, Tania Cagnotto ATENE - E' delusa com'è giusto che sia una ragazza della sua età che affronta un compito così difficile: rappresentare l'Italia, essere la donna di punta dei tuffi azzurri, tutto questo ad un'Olimpiade. Ma non ne fa un dramma Tania Cagnotto anche se sul suo viso quell'ottavo posto sembra forse pesare più del dovuto. Dalla piattaforma dieci metri dei Giochi di Atene, l'azzurra va via con la speranza di poter battere un giorno le regine della specialità che ha visto volteggiare leggere nell'aria. A partire dall'australiana Chantelle Newbery, capace di battere le strafavorite cinesi totalizzando 590.31 punti. Un oro che vale doppio per l'australiana che era entrata in semifinale con il terzo punteggio alle spalle della coppia cinese Lao Ishi, alla fine seconda con 576.30, e Ting Li, che ha chiuso addirittura al sesto posto per colpa di uno e uno solo tuffo sbagliato. Questa è la dura legge dello sport e nei tuffi ogni errore si paga a carissimo prezzo. Troppo difficile poi recuperare. Il bronzo è finito al collo dell'altra australiana Loudy Tourky (561.66), mentre ha sognato la canadese Emilie Heymans, capace di un prodigioso recupero: partiva dall'ottavo posto, uno dietro all'azzurra, e per due serie è stata in testa. Anche qui un errore, all'ultimo volo, le è costato il podio. «Benino» ha commentato papà Giorgio Cagnotto indimenticato campione dei tuffi azzurri.

«Per arrivare al podio serviva un colpaccio, una gara impeccabile fin dalla semifinale. Ma questa di Atene è solo una tappa di crescita verso qualcosa che potrà essere più in là davvero importante». Parole che non consolano la ventenne bolzanina che sperava di finire qualche posizione più avanti e non di scivolare di una rispetto alla semifinale. «Sinceramente pensavo di potere fare meglio o comunque di competere per il quinto o sesto posto. Va bene comunque così. Sapevo che sarebbe stata una gara difficile ma la speranza è sempre l'ultima a morire» ha detto Tania. «Ma quinto, sesto o ottava non cambia molto - l'ha confortata il padre - bisogna anche sapere accettare un verdetto del genere all'Olimpiade. Ha presentato un tuffo nuovo, che non è proprio facile. Abbiamo pensato chi non risica non rosica... doveva solo andare meglio in semifinale. Ripeto, è una tappa e vedremo adesso per il futuro di optare per una sola specialità, tra trampolino e piattaforma».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano