Venerdì 14 Dicembre 2018 | 08:21

GDM.TV

Olimpiadi - Le riflessioni di Renzo Musumeci Greco, appartenente alla più antica famiglia italiana di schermitori. «Sei mesi di euforia e poi tre anni e mezzo di buio fino a Pechino 2008»

ROMA - Nel mezzo del trionfo della scherma azzurra alle Olimpiadi, c'è anche chi rintraccia motivi di polemica. E' il maestro d' armi Renzo Musumeci Greco, appartenente alla più antica famiglia italiana di schermitori, che dice: «Sei mesi di euforia e poi tre anni e mezzo di buio fino a Pechino 2008». Musumeci Greco, IV generazione di Maestri, direttore tecnico dell' omonima Accademia di Roma, la più antica d'Italia, docente di scherma scenica al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, è ovviamente felice per i risultati della scherma italiana alle Olimpiadi di Atene, ma contesta il trattamento che «fuori da queste cornici prestigiose subisce la scherma in Italia».
«Tutta Italia deve essere grata alla scherma ed ai suoi magnifici atleti, Vezzali, Montano, Trillini, Sanzo ecc. dice Musumeci Greco- che ci consentono di esistere alle Olimpiadi senza dispiego di miliardi, di veline, sputi o scommesse e trucchi vari. Ancora una volta, con questa splendida disciplina, così poco pubblicizzata, abbiamo dimostrato di essere i primi al mondo. Oltre alle bellezze naturali, alle opere d'arte, alla Ferrari, al melodramma, c'è dell'altro che nessuno ci deve togliere, anche se la cecità di alcuni fa tutto il possibile per farla dimenticare».
Musumeci Greco ricorda che «in altri paesi tipo Francia, Germania, Inghilterra, che hanno appreso da noi tutti i segreti tramandati nei secoli da Maestro a Maestro, la scherma gode di ben altra considerazione, con un posto in prima fila nella cultura nazionale, con tutti i suoi annessi di storia, filosofia, romanticismo e quant' altro».
Ed è per riconsegnare all'Italia quello scettro emigrato all'estero, che è pronto un progetto con la finalità di rivalutare questa Arte che geneticamente ci appartiene.
Sulla scrivania dei politici, annuncia Musumeci Greco, «arriverà a breve un programma che prevede un rafforzamento o una introduzione della Scherma in tutte le sue sfaccettature, ed in tutti i campi che le competono. Dalla palestra di scuola, alle antiche sale d'armi, allo Spettacolo nei suoi mille aspetti».
«Cosa c'è di più moderno, attuale della più antica delle discipline, la Scherma? - conclude Musumeci Greco - Estro, velocità, fantasia, concentrazione, saldezza di nervi, risolutezza, armonia, eleganza, rispetto, cavalleria. Non è forse ciò che serve all'uomo e alla donna del XXI secolo?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO