Venerdì 14 Dicembre 2018 | 21:21

GDM.TV

Grottaglie: sostegno del comparto agroalimentare locale

BARI - Sono 104.500 gli euro messi a disposizione del programma annuale dal settore per le attività promozionali dei prodotti Agroalimentari tipici della Regione Puglia per finanziare complessivamente tutte le iniziative specifiche proposte.
Questo progetto sarà gestito dal centro di Ricerca e Sperimentazione in agricoltura "Basile Caramia" di Locorotondo, che si è proposto come soggetto attuatore di tutte le iniziative volte alla valorizzazione della produzione regionale.
Il progetto finanziato con questa somma dalla Regione Puglia al 40% prevede il co-finanziamento di un altro 60% da parte di tutti i Comuni interessati.
Le varie iniziative per attuare questo progetto riguardano la salvaguardia e valorizzazione della produzione vitivinicola nella Valle d'Itria, la promozione dell'olio Dop Terra di Bari, la salvaguardia e valorizzazione delle produzioni tipiche della filiera agrumicola dell'arco jonico, la valorizzazione della frutticoltura del Sud-Est barese, «di Primitivo in Primitivo»: la riscoperta di un vitigno tipico per un vino di qualità, uva da tavola nel sapore della Puglia e Barbatelle per vigneti Puglia.
Grottaglie (TA), città Regina dell'uva da tavola, ha aderito, proponendosi come centro di riferimento, al progetto delle uve da tavola per la produzione dei vitigni autoctoni.
Il 24 agosto, perciò, subito dopo la prima Festa dell'uva è già programmato un incontro con gli altri Comuni che hanno la stessa tipologia di produzione.
I rappresentanti dei comuni ionici di Carosino, Castellaneta, Fragagnano, Ginosa, Lizzano, Mareggio, Massafra, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Mottola, Palagianello, Palagiano, San Giorgio Jonico, San Marzano di san Giuaseppe, Statte e Taranto e quello di Francavilla Fontana(BR) s'incontreranno a Grottaglie per metter a punto tutti particolari per l'avvio del progetto, che prevede uno scientifico vaglio delle uve autoctone dei territori dei Comuni aderenti.
La Città delle Ceramiche, storica produttrice di uve, porrà all'attenzione quei vitigni che hanno dominato il mercato nell'arco di vent'anni dal 1960 al 1980.
Si riconsidererà, perciò, un migliore utilizzo (ai fini della commercializzazione finale) delle uve Regina bianca di Puglia, Primis o Regina dei vigneti.
A seguire, così come prevede il progetto finanziato dal governo pugliese per lo specifico, si allestirà un'ampia mostra pomologica delle uve interessate. Essa potrà contare sull'allestimento di schede ampelografiche (le caratteristiche morfologiche del prodotto), una serie di pubblici incontri per la degustazione dei prodotti, la gestione razionale con tecniche eco-compatibili del vigneto ed, infine, incontri con gli operatori commerciali per la programmazione della migliore strategia e valorizzazione del prodotto.
Paolo Lerario

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori