Lunedì 17 Dicembre 2018 | 06:40

GDM.TV

Nuoto femminile: la Pellegrini a caccia del podio

Atene 2004, «siluro» Thorpe ATENE - Talento, potenza, determinazione, tutto racchiuso nel coraggio di una sedicenne che non si nasconde. Anzi. Cerca le luci della ribalta già come una star e, per i numeri fatti vedere quest'anno, la si può considerare tale. Federica Pellegrini è tutto questo e al di là dei giudizi sul suo modo di atteggiarsi già da grande, bisogna solo usare un aggettivo per quello che ha fatto vedere oggi nella piscina olimpica di Atene: straordinaria. La giovanissima veneta ha ottenuto il miglior tempo nelle semifinali dei 200 stile libero femminili, migliorando ancora una volta il record italiano nuotando in 1'58"02, 57 centesimi meno del precedente limite fatto segnare dalla stessa atleta a Pesaro il 2 luglio scorso. Oltre che sulla staffetta 4X200 e sui 200 misti con Rosolino, è su di lei che l'Italnuoto può riporre le speranze di vincere una medaglia. Anche se si è avuta l'impressione che le rivali (su tutte la tedesca Fanziska van Almsick) che hanno già nelle braccia il minuto e 57, si siano amministrate le forze. Il ct Alberto Castagnetti ha detto di crederci, lei pure. Non resta che attendere questa gara che potrebbe regalare all'Italia una medaglia mai conquistata ai Giochi in questa specialità. La seconda grande sorpresa di questa gara è stata poi l'eliminazione della nuotatrice di Costa Rica, Claudia Poll, che ha ottenuto solo il decimo tempo.

L'unico italiano in gara in una finale, oggi, era Emiliano Brembilla, che nei 200 stile maschili, vinti dall'australiano Ian Thorpe, è giunto ottavo in 1'48"40. Di più all'azzurro, che ha chiuso la gara accusando tanta stanchezza, non si poteva chiedere, visto che se la doveva vedere con i mostri sacri della specialità. Il campionissimo Thorpe, invece, ha realizzato uno dei suoi sogni nel cassetto, battendo l'olandese Pieter van der Hoogenband (argento) che lo aveva a sua volta battuto a Sydney, a casa sua: i due hanno nuotato spalla a spalla per le prime due vasche, poi Thorpe ha preso la testa e non l'ha lasciata più. E ha pure definitivamente fatto svanire il sogno dell'americano Michael Phelps (bronzo) di eguagliare il record di sette ori conquistati a Monaco '72 da Mark Spitz. L'australiano, campione del mondo in carica, ha vinto con il tempo di 1'44"71, nuovo record olimpico, battendo per la seconda volta consecutiva così VDH dopo l'oro conquistato ai Mondiali di Barcellona dello scorso anno.
La giornata azzurra, infine, aveva visto al mattino l'eliminazione nei 200 misti di Alessia Filippi, 21esima in 2'19"29. Per quanto riguarda le altre finali, invece, la cinese Xuejuan Luo ha vinto l'oro nei 100 rana, battendo la favorita Leisel Jones. Per la cinese anche il nuovo record olimpico di 1'06"64 che la rivale aveva fatto segnare il giorno prima. Per la Jones solo una medaglia di bronzo, quindi, mentre l'argento è andato all'altra australiana Brooke Hanson. Ancora in campo femminile, La statunitense Natalie Coughlin si è aggiudicato il titolo olimpico nei 100 dorso. Con il tempo di 1'00"37 ha preceduto la nuotatrice dello Zimbabwe, Kirsty Covenrty (1'00"50) e la francese Laure Manaudou (1'00"88). Lo statunitense Aaron Peirsol, infine, ha conquistato il gradino più alto del podio nei 100 dorso maschili con il tempo di 54"06, precedendo l'austriaco Markus Rogan (54"35), medaglia d'argento, ed il giapponese Tomomi Morita, bronzo con 54"36.

Domani, come detto, l'Italia si gioca gran parte della sua avventura ateniese con la Pellegrini e la staffetta 4x200: sicuri della finale del pomeriggio sono solo Emiliano Brembilla e Massimiliano Rosolino, mentre tutti gli altri (Matteo Pelliciari, Federico Cappellazzo, Andrea Beccari e Simone Cercato) se la dovranno guadagnare nelle batterie del mattino avendo per giudice il solko cronometro. Ma sono in programma al mattino anche le batterie dei 100 sl con Lorenzo Vismara e Filippo Magnini, poi i 200 farfalla femminili con Paola Cavallino e Francesca Segat e i 200 rana con Paolo Bossini e Loris Facci.
Pierpaolo Maddalena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia