Domenica 17 Gennaio 2021 | 01:40

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

Scuola e Covid, l'ira dei presidi pugliesi: «Basta libera scelta su frequenza»

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
Potenzazona gialla
Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

Basilicata, ordinanza scuole: confermata Dad alle superiori sino al 31 gennaio

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

Chiede aiuto ma, facendosi forza, va avanti

LOURDES (FRANCIA) - Giovanni Paolo II seduto sulla sua poltrona mobile che dà la comunione nelle mani di un giovane in sedia a rotelle: è questa l'immagine della forza e determinazione con le quali l'anziano e malato pontefice ha affrontato la sofferenza e le fatiche del suo pellegrinaggio apostolico a Lourdes.
Se ieri era stata una sua incertezza sull'inginocchiatoio davanti alla Grotta della Madonna a preoccupare per lo stato di salute, oggi, durante l'omelia, e durante tutta la messa, Karol Wojtyla ha dato una prova del suo coraggio: ha letto il testo nonostante una visibile sofferenza e senza problemi ha chiesto ad un certo punto, quasi a metà del lungo testo: «pomozcie mi», «aiutatemi».
E senza alcun clamore, i ministranti che erano sul palco gli hanno portato subito dopo un semplice bicchiere di carta con dell'acqua. Il Papa ha bevuto e poi ha continuato a leggere, con fatica e con decisione, dandosi anche un «incoraggiamento» da solo: «musze siconczyc», «devo portare a termine» la sua lettura.
Non solo l'ha fatto, ma ha continuato a leggere tutte le formule del rito, ha presieduto la consacrazione e poi ha dato la comunione, a persone di tutte le età, sani e malati. Portando a termine la messa, a cui ha assistito una folla imponente di persone, circa 300mila, tra quelli presenti nella spianata e quelli distribuiti nei vari punti del santuario.
Già ieri sera il papa aveva avuto difficoltà a leggere il testo dell'introduzione alla processione delle candele: ma mentre al suo arrivo non aveva letto l'angelus nella grotta di Massabielle, a causa della stanchezza, ieri sera era stata la scarsità di luce ad impedirgli di vedere bene il testo. Problema risolto spostando la poltrona mobile e utilizzando una lampadina tascabile.
Appare evidente, comunque, che anche brevi periodi di riposo tra un avvenimento e l'altro previsti dal programma, consentono a Giovanni Paolo II di recuperare le energie necessarie ad affrontare celebrazioni, discorsi, preghiere. Con la messa e l'angelus il papa ha terminato gli impegni pubblici. Prima di partire un saluto privato alla grotta della Madonna.
E' anche grazie al suo coraggio che il papa è tanto amato: «Grazie Dio purché ci hai dato il papa», ha detto un prete italiano, riscuotendo il consenso delle migliaia di pellegrini presenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400