Sabato 15 Dicembre 2018 | 07:39

GDM.TV

Altri due attacchi, senza feriti, contro i carabinieri

BAGHDAD - Tensione alta a Nassiriya, dove il contingente italiano per il secondo giorno consecutivo è stato preso di mira da miliziani armati che hanno attaccato a pochi minuti di distanza prima una pattuglia dei carabinieri e poi un posto di blocco degli stessi militari dell'Arma e dei soldati rumeni. In entrambi i casi non ci sono stati nè feriti nè danni, ma è evidente come il clima si stia surriscaldando e che la fragile tregua concordata venerdì scorso tra gli uomini del leader radicale sciita Moqtada Al Sadr e le autorità locali potrebbe franare da un momento all'altro.
L'attacco è scattato verso le due di notte, ora locale: la pattuglia della Msu (Multinational specialized unit) composta da 4 veicoli blindati e da due mezzi della polizia locale stava controllando la zona sud della città, quando è stata attaccata con due razzi Rpg ed alcune raffiche di armi automatiche. Pochi minuti dopo il secondo agguato, a colpi di mortaio. Preso di mira un check point dei carabinieri e dei soldati rumeni, formato da tre veicoli protetti dei militari italiani e da due blindati rumeni. In entrambi i casi i carabinieri hanno risposto al fuoco, disimpegnandosi, e non hanno riportato danni. «Si è trattato dell'ennesimo episodio - ha commentato il portavoce del comando, il capitano Ettore Sarli - condotto da elementi destabilizzanti, che puntano ad alzare la tensione». Tra i militari, prosegue Sarli, c'è comunque un «cauto ottimismo: il mercato è in funzione e la gente è in strada. Significa che tutto sommato non ci sono particolari focolai di tensione». Resta comunque una situazione «non facile», come ammettono dal contingente italiano, e che potrebbe peggiorare nelle prossime ore se a Najaf i guerriglieri di Al Sadr dovessero avere la peggio. Nella città santa sciita è infatti ormai in corso la battaglia finale, con gli americani che prima hanno bombardato la zona zona dell'abitazione di Al Sadr e poi vi hanno fatto irruzione, e i fedelissimi del leader radicale si sono asserragliati in un'area di due chilometri quadrati nella città vecchia, attorno al mausoleo di Alì, decisi a difenderla fino alla morte. Una bomba ad orologeria che potrebbe incendiare tutto l'Iraq, Nassiriya compresa. Ecco perchè dal contingente italiano si continuano a monitorare con molta attenzione le notizie che arrivano da Najaf, tenendosi in stretto contatto con gli informatori sul terreno per capire realmente cosa bolle in pentola. «E' ovvio - ammette Sarli - che guardiamo con un occhio di riguardo quanto sta accadendo a Najaf, così come stiamo valutando una serie di ipotesi operative e di possibili scenari, anche se per il momento non ci sono disposizioni particolari».
E con attenzione verrà seguita anche la preghiera di domani, per capire come gli imam reagiranno all'attacco americano a Najaf e qual è l'atmosfera tra la gente. Non è un caso infatti che gli scontri più violenti dei mesi passati tra miliziani e militari italiani siano scoppiati proprio il venerdì, al termine del sermone religioso. Si attendono quindi le prossime ore, continuando a confidare nel buon rapporto stabilito con la popolazione locale. «La maggioranza della gente - spiega ancora Sarli - è con noi. Ha voglia di rinascita e ha bisogno di tranquillità e sicurezza e sa che gli italiani si sono sempre mossi con enorme rispetto delle tradizioni e della religione, agendo sugli aiuti e nel settore della sicurezza». C'è però, conclude, «una piccola frangia che ha interesse a destabilizzare». E che si spera che non riesca a prendere il sopravvento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori