Domenica 24 Gennaio 2021 | 22:45

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Foggiala tragedia
San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: due le persone morte

San Severo, carambola tra auto sulla Sp 109: il bilancio è di due morti

 
Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
MateraIl mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 

i più letti

L'Iran nega coinvolgimento nei combattimenti di Najaf

Il ministro della difesa iraniano Ali Shamkhani ha smentito qualsiasi coinvolgimento del suo paese nei combattimenti a Najaf, città santa sciita in Iraq, respingendo le accuse del collega iracheno Hazem Shaalan.
In una dichiarazione alla tv qatariota al Jazira, l'ammiraglio Shamkhani ha detto che «l'Iran non ha alcun legame con gli avvenimenti di Najaf», teatro da sei giorni di una violenta battaglia tra seguaci del leader radicale sciita Moqtada Sadr e poliziotti iracheni sostenuti da militari americani.
Interrogato sulle accuse del ministro iracheno secondo cui le milizie di Sadr ricevono armi dall'Iran, Shamkhani ha risposto: «Ci sono armi iraniane in Iraq così come ci sono armi irachene in Iran. Risalgono alla guerra che oppose i due Paesi per otto anni».
Smentendo qualsiasi ingerenza negli affari interni dell'Iraq il ministro ha infine sottolineato che l'Iran vuole vedere «un Iraq unificato, indipendente, guidato da un regime eletto dal popolo e che viva in pace con i suoi vicini».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400