Domenica 17 Gennaio 2021 | 14:25

Il Biancorosso

L'intervista
Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

Auteri toglie gli alibi al Bari: «La fortuna? Conta altro»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaNel Potentino
Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

Avigliano: in una Rsa inaugurata la prima tenda degli abbracci della Basilicata

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Foggianel foggiano
San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

San Giovanni Rotondo, morto l'ultimo frate che ha vissuto insieme a Padre Pio

 
BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Iraq - Liberato ostagggio siriano

TRIPOLI (LIBANO) - Un siriano sequestrato dalla guerriglia irachena alla fine di luglio è stato lasciato andare. Lo ha riferito oggi la famiglia del suo datore di lavoro, anche lui sequestrato e ancora nelle mani dei ribelli.
Una volta riconquistata la libertà Issa al-Sheik Awad si è recato al caseificio di Baghdad allestito dall'imprenditore libanese Antoine Antoun, l'altro sequestrato, e da lì ha telefonato alla famiglia di lui. «Ci ha detto che Antoine sta bene e che sarà liberato nei prossimi giorni senza che siano poste condizioni o chiesto un riscatto», ha riferito uno dei familiari.
Antoun e Awad furono sequestrati nel caseificio da una banda armata e la famiglia dell'imprenditore ha lanciato dal Libano diversi appelli per la loro liberazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400