Domenica 17 Gennaio 2021 | 11:39

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

Bari calcio, Auteri: «Contro il Bisceglie saremo spietati»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariLotta al virus
Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

Bari, al Policlinico via al richiamo vaccinale per i primi 30 operatori sanitari

 
PotenzaI numeri
Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

Covid, in Basilicata una festa di compleanno a Grumento accende un altro focolaio

 
LecceL'evento
La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

La Fòcara di Novoli torna in piazza: l’accensione in streaming

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
TarantoIl caso
Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

Taranto, bimba morta di tumore, la mamma: «Sia fatta giustizia per i nostri figli»

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 
Foggiaemergenza coronavirus
San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

San Nicandro Garganico, muore sindaco medico per Covid: virus contratto forse da un paziente

 

i più letti

Sadr: combatteremo fino all'ultima goccia di sangue

NAJAF (IRAQ) - «Combatteremo contro l'occupazione a Najaf fino all'ultima goccia di sangue». Lo ha detto oggi il leader radicale sciita Moqtada Sadr durante una conferenza stampa nel mausoleo dell'imam Ali, nella città santa irachena.
La dichiarazione del leader sciita è stata fatta proprio mentre infuriano di nuovo i combattimenti a Najaf tra forze americane appoggiate da reparti iracheni e i miliziani fedeli a Sadr.
«Non chiamateci combattenti dell'Esercito del Mahdi, chiamateci difensori della città», ha aggiunto Sadr durante la conferenza stampa. E ha aggiunto: «Bisogna che gli occupanti (americani) se ne vadano, solo allora il processo democratico in Iraq potrà cominciare. Io resto qui per sostenere i combattenti e domando a tutti i dignitari religiosi di fare altrettanto».
A una domanda sul grande ayatollah Ali Sistani (moderato), partito per Londra a causa di una disfunzione cardiaca, Sadr ha risposto: «Mi auguro che ritrovi la salute e che torni il più presto possibile nella città di Najaf». Ieri il capo radicale ha respinto, tramite un portavoce, l'invito del premier iracheno Iyad Allawi ad abbandonare Najaf. Allawi si era recato nella città santa con due ministri del suo governo e aveva chiesto ai miliziani di deporre le armi e andarsene al più presto.
Il giorno prima Allawi aveva cercato di nuovo di associare Sadr al processo elettorale in Iraq sottolineando che i disordini a Najaf non sono colpa sua, ma di alcuni «criminali che si nascondono dietro il suo nome». Un tentativo a quanto pare fallito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400