Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:51

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

Sadr: combatteremo fino all'ultima goccia di sangue

NAJAF (IRAQ) - «Combatteremo contro l'occupazione a Najaf fino all'ultima goccia di sangue». Lo ha detto oggi il leader radicale sciita Moqtada Sadr durante una conferenza stampa nel mausoleo dell'imam Ali, nella città santa irachena.
La dichiarazione del leader sciita è stata fatta proprio mentre infuriano di nuovo i combattimenti a Najaf tra forze americane appoggiate da reparti iracheni e i miliziani fedeli a Sadr.
«Non chiamateci combattenti dell'Esercito del Mahdi, chiamateci difensori della città», ha aggiunto Sadr durante la conferenza stampa. E ha aggiunto: «Bisogna che gli occupanti (americani) se ne vadano, solo allora il processo democratico in Iraq potrà cominciare. Io resto qui per sostenere i combattenti e domando a tutti i dignitari religiosi di fare altrettanto».
A una domanda sul grande ayatollah Ali Sistani (moderato), partito per Londra a causa di una disfunzione cardiaca, Sadr ha risposto: «Mi auguro che ritrovi la salute e che torni il più presto possibile nella città di Najaf». Ieri il capo radicale ha respinto, tramite un portavoce, l'invito del premier iracheno Iyad Allawi ad abbandonare Najaf. Allawi si era recato nella città santa con due ministri del suo governo e aveva chiesto ai miliziani di deporre le armi e andarsene al più presto.
Il giorno prima Allawi aveva cercato di nuovo di associare Sadr al processo elettorale in Iraq sottolineando che i disordini a Najaf non sono colpa sua, ma di alcuni «criminali che si nascondono dietro il suo nome». Un tentativo a quanto pare fallito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400