Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 21:37

GDM.TV

Tiro con l'arco

Sport - Tiro con arco Settanta metri dal bersaglio, diciotto frecce nella faretra e per scenario il mitico stadio di Panathaikos, quello con le tribune a ferro di cavallo che fu fatto costruire per le prime olimpiadi dell'era moderna. Gli atleti del tiro con l'arco si sfideranno dal 15 al 21 agosto ad Atene per contendersi le quattro medaglie d'oro in palio alle olimpiadi: le due prove individuali e le due a squadre.
I 128 arcieri olimpici (64 uomini e 64 donne) si fronteggeranno con un meccanismo di scontri diretti fino alle finali, che si disputeranno con 12 frecce da lanciare una ogni quaranta secondi. I loro archi, con mirini e bilancieri sempre più tecnologici, hanno poco a che vedere con quelli degli antichi greci e romani. La squadra più forte in assoluto è da tempo la Corea del Sud, con i suoi atleti saldamente al comando nelle classifiche mondiali.
L'Italia si è affacciata tardi a questo sport (prima degli anni settanta non esisteva neppure una federazione ufficiale), ma ha subito recuperato il tempo perduto. Nelle ultime due olimpiadi (Atlanta '96 e Sidney 2000) gli azzurri sono saliti due volte sul podio: la prima per un bronzo a squadre, la seconda per un argento nella stessa prova. Ad Atene andranno il veterano Ilario Del Buò, trentanovenne triestino da vent'anni presenza fissa dell'Italia ai giochi olimpici, il giovanissimo Marco Galiazzo, campione europeo in carica, e Michele Frangilli, altro reduci della fortunata spedizione di Sidney e campione del mondo 2003. Per le donne ci sarà Natalia Valeeva, 34enne moldava naturalizzata italiana giunta alla sua seconda esperienza olimpica azzurra: può vantare un quarto posto agli ultimi europei. «In un'Olimpiade tutto è incerto fino alla fine - dice Del Buò tra un centro e l'altro - ma la nostra squadra è sicuramente competitiva. Certo, i coreani sono mostri sacri, ma noi ci siamo allenati duramente: sei-otto ore al giorno a tirare frecce. L'importante è arrivare in gara con la testa a posto, perché questo è uno sport dove la capacità di restare concentrati fino in fondo vale quanto la tecnica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive