Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 01:14

GDM.TV

i più visti della sezione

Nuoto

Sport - Nuoto Dai Trials Usa il messaggio è arrivato chiaro: l'America è tornata la potenza mondiale del nuoto. L'Australia resta la prima antagonista, ma anche l'Italia è convinta di poter scrivere ancora qualche pagina memorabile. A pochi giorni dal via, quelle di Atene si annunciano come le Olimpiadi del nuoto: la vasca negli ultimi anni ha vissuto infatti un fermento che ha scatenato una corsa al record in tutti i paesi, con quelli che vantano una tradizione negli sport acquatici in netto vantaggio. Imprese impensabili, ma che garantiscono ancora margini di miglioramento tali da far accendere ancor di più sul nuoto i riflettori dei Giochi.
Rispetto a Sydney, che sancì già l'exploit in piscina, ad Atene ci si aspetta un nuovo boom: merito dei mostri a stelle e strisce che durante le qualificazioni hanno già mostrato, cronometro alla mano, uno stato di forma straordinario. L'uomo nuovo, almeno sulla scena a cinque cerchi, è Michael Phelps: il gigante di Baltimora, classe 1985, sbarca ai Giochi con una sfilza di record e titoli iridati e un obiettivo da brividi: Eguagliare il record di sette medaglie di Mark Spitz a Monaco '72. Il fenomeno americano spazia a tutta vasca e ad Atene gareggerà nei 200 sl, 200 dorso, 100 e 200 farfalla, 200 e 400 misti, 4X200 sl e 4X100 mista. Il 19enne pronto a stupire, che ama concentrarsi a bordo vasca con il rap di Eminem, è imbattibile soprattutto nei misti (fresco il record nei 400 con 4'08"41) e va forte anche nel dorso, dove può essere battuto solo dal connazionale Aaron Peirsol, che a Long Beach ha fatto fermare il tempo nei 200 dorso a 1'54"74. E anche il californiano contribuirà al ricco bottino statunitense.
Se Phelps è il marziano, i compagni non scherzano. I Trials hanno consacrato il nuovo recordman della rana. Si chiama Brendan Hansen, 23 anni, che in due giorni ha centrato una doppietta storica con il primato nei 100 e 200 rana rispettivamente in 59"30 e 2'09"4. Tempi sbalorditivi che hanno cancellato le impresse del piccolo samurai Kosuke Kitajima: anche la rana, che sembrava di dominio del giapponese, ex primatista e iridato sulle due distanze, vivrà invece una sfida Usa-Giappone. Nella farfalla Ian Crocker è l'uomo da battere.
Ma l'America che nuota potrà contare anche sulle donne: da Amanda Beard (anche per lei record nei 200 rana) a Natalie Caughlin, passando per la veterana Jenny Thompson, lo squadrone rosa farà il vuoto. Ci proverà l'Australia con i suoi pezzi pregiati, da Ian Thorpe a Grant Hackett, a ristabilire gli equilibri. Riflettori puntati anche sulla giovane Leisel Jones, pronta a sfidare la rivale statunitense Beard nella rana.
Tra le due superpotenze c'è sempre la vecchia Europa che cercherà di spostare l'ago della bilancia: l'Olanda avrà in Pieter Van den Hoogenband e Inge de Bruin i re della velocità nello stile libero. Ma ci sarà anche un vecchio come Alex Popov: lui c'era anche a Barcellona dodici anni fa, ma nello sprint dirà ancora la sua. E ci sarà anche la bella Franziska Van Almsick. Sono lontani i tempi dei suoi fasti d'oro, quelli in cui l'enfant prodige della Germania era la donna da battere. Ma a Atene ha deciso di esserci.
Per l'Italia di Alberto Castagnetti ripetere le magie di Sydney è praticamente impossibile: priva di Domenico Fioravanti, il grande assente fermato per problemi cardiaci (ad Atene si accontenterà di fare il commentatore televisivo) e che a Sydney aveva centrato una doppietta storica per il nuoto azzurro con gli ori nei 100 e 200 rana, la spedizione potrà contare su Massimiliano Rosolino, leader del gruppo in gara nei 400 stile libero, 200 misti (di cui è campione olimpico in carica) e la 4X200. E proprio dalla staffetta azzurra possono arrivare sorprese positive, perché i tempi parlano di podio. Il gruppo farà leva anche sul nuovo che avanza, da Filippo Magnini, campione europeo a Madrid nei 100 sl, a Paolo Bossini. Il ranista azzurro, 19 anni oro europeo nei 200, non avrà però vita facile nella sfida Usa-Asia che vedrà contendere i titoli della rana. Atteso a conferme anche Alessio Boggiatto. Tra le donne occhi puntati sull'esordiente Federica Pellegrini, 16 anni il 5 agosto, che si tuffa tra le big nei 100 e 200 stile.
L'Acquatic Centre di Oaka si prepara a sollevare il sipario: la piscina olimpica con la sfida Usa-Australia e le star del vecchio continente promette spettacolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia