Mercoledì 20 Gennaio 2021 | 01:32

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

Mafia, annullata interdittiva a società steward dello stadio di Lecce

 
Covid news h 24Il virus
Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

Coronavirus a Mottola, focolaio in una Rsa: 22 positivi

 
BatLa disgrazia
Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

Andria, addio a Gianna: muore sola in casa a 49 anni il travestito vittima di insulti

 
PotenzaIl virus
Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

Covid 19, focolaio in una Rsa a Brienza, nel Potentino: morti 4 anziani

 
BariIl caso
Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

Sanità, l'accusa di Zullo (FdI): «Da Asl Bari 30mila avvisi di accertamento»

 
Foggiaparto record
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: mamma dimessa

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 

i più letti

La mafia ora arruola i «picciriddi d'onore»

PALERMO - «Una mafia sempre più in difficoltà per la costante e efficace azione investigativa e repressiva di magistratura e forze dell'ordine è ormai costretta a ricorrere ai minorenni per colmare i vuoti aperti dagli arresti degli ultimi anni. Essendo finiti in carcere gli uomini d'onore, i boss fanno ricorso ai "picciriddi d'onore"». Lo afferma il presidente della commissione antimafia dell'Assemblea Regionale Siciliana, Carmelo Incardona, commentando l'operazione della squadra mobile di Caltanissetta, che ha portato a 9 arresti, a Gela, tra cui diversi minorenni.
«Resta - aggiunge Incardona - la grande preoccupazione per la capacità di presa che la mafia riesce ancora ad avere su molti giovani: segno che la controffensiva culturale della scuola e della società ha ancora delle crepe. Su questo bisognerà intervenire con forza e decisione. Non va sottaciuto, d'altro canto, un altro aspetto: la mafia, messa alle corde dall'azione pressante dello Stato, è costretta, ormai, a arruolare dei ragazzini, come i regimi ormai travolti dalla storia, come la delinquenza comune, eliminando ogni possibile equivoco sul rispetto di presunti codici d'onore».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400