Martedì 26 Gennaio 2021 | 06:02

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

Lecce, a Palazzo Carafa girata scena di video trap: il Comune si dissocia

 
Tarantopiano industriale
Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

Mittal Taranto, azienda conferma per il 2021 produzione di 5 milioni di tonnellate d’acciaio

 
Homela tragedia
Bari, bambino di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipoitizza suicidio

Bari, bimbo di 9 anni trovato impiccato in casa a San Girolamo: si ipotizza suicidio. Gioco online? «Non sappiamo»

 
FoggiaLa decisione
Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

Foggia, sparò da balcone a Capodanno: convocato Consiglio comunale per sfiducia del presidente

 
Potenzamaltempo
Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

Avigliano, a causa del gran vento «impazzisce» pala eolica: intervengono i vigili del fuoco

 
Materanel Materano
Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

Marconia, sorpresa a spacciare cocaina e hashish in casa: arrestata 65enne

 
Covid news h 24Emergenza contagi
Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

Ceglie Messapica, focolaio Covid in un scuola media con 18 positivi: 13 studenti e 5 docenti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 

i più letti

Il padre di Alessandro Giorgioni: «Speriamo non muoia, deve capire cos'è la morte e che cos'è la vita»

ANCONA - «Spero che non muoia. Per lui morire sarebbe un successo. Spero invece che possa capire che cos'è la morte e che cos'è la vita». Così il padre Francesco Giorgioni, il padre di Alessandro, l'appuntato dei carabinieri ucciso da Luciano Liboni a Pereto di Sant'Agata Feltria (Pesaro), ha accolto la notizia della cattura del killer.
Francesco Giorgioni, anche lui carabiniere - in quiescienza - come il fratello di Alessandro, Gianrico, che era appena tornato da Nassiriya quando è accaduta la tragedia, si trova nella sua casa di Grosseto, circondato da amici che hanno accolto la notizia della cattura del 'Lupò applaudendo «in segno di vittoria», come riferisce lo stesso Giorgioni.
«L'hanno preso? - gli chiedono le persone che si sono subito precipitate a casa sua -. Meno male». Quanto all'anziano militare, un passato anche nell'antibanditismo in Sardegna, ferito più di una volta per cause di servizio, a chi gli domanda che cosa provi in questo momento risponde: «Non dico niente. Non provo niente. Sono contento che l'abbiano preso perchè così non continua a delinquere e ad ammazzare altra gente».
La mamma di Alessandro, Giacinta, è invece in queste ore nelle Marche, a Novafeltria, a far compagnia alla nuora Simona e il nipotino Leonardo, di 5 anni.
Esultanza nella compagnia dei carabinieri di Novafeltria, dove dal giorno dell'omicidio del giovane carabiniere i colleghi hanno lavorato senza sosta per cercare di assicurare il killer alla giustizia. Il comandante Nello Claudini è immediatamente partito per Roma.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400