Sabato 23 Gennaio 2021 | 11:52

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl virus
Covid 19, Brusaferro in collegamento a Foggia: «In Italia lieve decrescita»

Covid 19, Brusaferro in collegamento a Foggia: «In Italia lieve decrescita». Anelli: «No a vaccini a chi non è a rischio»

 
BariLa curiosità
Il dialetto si trasforma in luce e accende le vie del borgo antico di Palo del Colle

Il dialetto si trasforma in luce e accende le vie del borgo antico di Palo del Colle

 
MateraLa situazione in Basilicata
Covid 19, vaccini che scarseggiano: esclusi già 8mila lucani

Covid 19, vaccini che scarseggiano: esclusi già 8mila lucani

 
LecceLotta al virus
Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

 
TarantoLa decisione
Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
PotenzaIl caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 

i più letti

I poliziotti si fingono medici per le indagini

PORDENONE - Travestiti da infermieri e medici tirocinanti, per 15 giorni, nelle corsie di un ospedale, in Lombardia, per scoprire «in diretta» il commercio di neonati fra Bulgaria e Italia: è quello che hanno fatto alcuni investigatori della Squadra Mobile della Questura di Pordenone per verificare, prima, e acquisire, poi, elementi di certezza nelle indagini che hanno portato all'arresto di sei persone per associazione per delinquere finalizzata alla riduzione in schiavitù e falsità ideologica connessa all'alterazione di stato civile.
I poliziotti travestiti da medici e infermieri - si è saputo - hanno finanche assistito al parto di uno dei neonati comperati e venduti e, subito dopo le dimissioni, hanno arrestato la mamma e l'uomo che si era dichiarato falsamente padre del piccolo.
La decisione di far entrare i poliziotti travestiti da medici nel reparto di ostetricia e ginecologia di un ospedale della provincia di Milano dove avvenivano i parti dei neonati - si è saputo a Pordenone - è stata presa dalla Questura della città friulana e dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Trieste, che ha coordinato l'inchiesta, per fare chiarezza su tutte le fasi del commercio di bambini.
In precedenza, i poliziotti avevano seguito, fotografato e filmato le persone sospettate, acquisendo, già in queste fasi, numerosi elementi ritenuti di colpevolezza a carico delle persone poi arrestate.
Alle indagini e alle operazioni che hanno portato agli arresti, eseguiti in momenti diversi, con la Squadra Mobile della Questura di Pordenone hanno collaborato i Nuclei di Prevenzione Crimine del Veneto e della Lombardia, le Squadre Mobili delle Questure di Milano e Vicenza. Nelle indagini sono state coinvolte la Procura della Repubblica di Milano e le Procure della Repubblica per i Minorenni di Trieste e Milano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400