Domenica 24 Gennaio 2021 | 20:16

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Leccela polemica
Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

Lecce, melodia tipica salentina usata per canzone che inneggia a malavitosi: «La musica è cosa seria»

 
MateraIl mistero
Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

Rotondella, omicidio ingegnere: eseguita autopsia. L'amico ferito è in coma

 
FoggiaEmergenza contagi
Carpino, focolaio Covid in centro psichiatrico con 6 positivi: 4 operatori e due pazienti

Carpino, focolaio Covid in centro psichiatrico con 6 positivi: 4 operatori e due pazienti

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 

i più letti

5mila euro per una bimba, 10mila per un maschietto

PORDENONE - Cinquemila euro per una bambina, diecimila per un maschietto: era questo il prezzo che l'organizzazione criminale internazionale scoperta dalla Questura di Pordenone versava alle famiglie bulgare, in condizioni economiche di grave disagio, disposte a vendere i propri figli, subito dopo la nascita, a un acquirente italiano.
La somma che l'organizzazione riceveva - stando a quanto trapelato finora - dal 'padre acquirente' italiano era più alta (fino a 17.000 euro) e veniva versata con transazioni internazionali di valuta. Dopo aver versato la somma alla madre del neonato, l'organizzazione tratteneva una parte della somma per sè, mentre un'altra parte veniva utilizzata per coprire le spese del viaggio della mamma dei neonati.
Quest'ultima - secondo la ricostruzione della Questura di Pordenone - veniva fatta partire dalla Bulgaria, per l'Italia, alcuni giorni prima del parto, con un visto turistico. Una volta in Italia, veniva prima ospitata in un campo nomadi, nella zona di Gorgonzola (Milano), in attesa del parto, e poi accompagnata in ospedale dove partoriva e rifiutava di riconoscere il figlio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400