Giovedì 13 Dicembre 2018 | 20:40

GDM.TV

Berlusconi, prima dell'estate il Dpef o la riforma federalista?

ROMA - Non ci sono ancora certezze sul fatto che la Camera possa incardinare prima dell'estate l'esame della riforma federalista dello Stato. Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi rischia infatti in queste ore di essere messo di fronte ad una scelta: portare a casa entro l'inizio di agosto il Dpef o incardinare il disegno di legge sulla devolution come vuole la Lega.
L'ostruzionismo dell'opposizione sembra aver complicato davvero le cose. Rallentando l'esame dei provvedimenti ancora in Aula, a cominciare da quello sulle pensioni per arrivare ai decreti che per regolamento non possono avere i tempi contingentati, si bloccano di fatto anche i lavori delle commissioni. E da dopodomani invece la commissione Bilancio dovrebbe lavorare a pieno ritmo sul Dpef che il Consiglio dei ministri licenzierà domani sera. Così come le commissioni competenti che devono esprimere il parere sul documento di programmazione economica e finanziaria.
Se l'ostruzionismo dunque dovesse continuare, visto che l'obiettivo delle opposizioni è proprio quello di far slittare a settembre la riforma, nessuno nella maggioranza potrebbe essere certo di una presenza adeguata dei deputati in Aula durante e dopo la prima settimana di agosto. Una presenza che invece sarebbe necessaria per assicurare il via libera al Dpef.
Il presidente del Consiglio dunque si potrebbe trovare nelle prossime ore di fronte ad un bivio: o mantenere l'impegno assunto nei giorni scorsi di ottenere l'approvazione del Dpef prima dell'estate, con evidenti riflessi positivi sul piano internazionale; o accontentare la Lega che pretende l'avvio dell'esame in Aula della riforma del federalismo prima delle ferie, per imporre così a settembre il contingentamento dei tempi del dibattito. E che le cose non siano ancora così sicure lo dimostra il fatto che nella Lega si sta pensando ad un compromesso: far leggere la sua relazione al presidente della commissione Affari Costituzionali Donato Bruno, che è anche relatore della devolution, e dare il via alla discussione generale sul provvedimento a settembre. Per arrivare poi al voto eventualmente ad ottobre. E il Carroccio ha sondato in queste ore l'opposizione per verificare la fattibilità di questa ipotesi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO