Lunedì 17 Dicembre 2018 | 14:57

GDM.TV

Approvato il rendiconto generale 2003 della Regione Puglia

BARI - La Regione Puglia è passata da una situazione di disavanzo di 621,29 milioni di euro registrata nel 1992 ad un avanzo di amministrazione di 1.111,72 milioni di euro all'esercizio finanziario 2003 : è questo il dato significativo contenuto nel rendiconto generale della Regione Puglia per l'esercizio finanziario 2003 approvato a maggioranza dal consiglio regionale della Puglia.
I lavori dell'assemblea, dopo il dibattito e la replica dell'assessore al bilancio, Rocco Palese, sono stati sospesi e riprenderanno nel primo pomeriggio con la discussione del disegno di legge di assestamento e di prima variazione al bilancio di previsione per l'esercizio finanziario 2004 che svincola dall'incremento registrato (456,72 milioni di euro), 350 milioni di euro da destinare ad un fondo per gli investimenti. Sono una sessantina gli emendamenti presentati, numerosi dei quali da parte dell'opposizione di centrosinistra che, tra l'altro, chiede che il fondo intersettoriale pari a 350 milioni di euro sia vincolato al piano regionale di sviluppo, individuando alcuni settori prioritari e che tali scelte vengano valutate dal consiglio regionale.
Nella replica Palese ha ricordato che la Puglia è stata l'unica Regione in Italia ad aver fatto ricorso, con sacrifici e impegno, ad una legge per far fronte al dissesto finanziario e «fino al 2016 è chiamata a pagare 500 miliardi di lire all'anno per pagare il mutuo contratto». E rispondendo ai consiglieri di opposizione che chiedevano come mai gli avanzi di amministrazione non sono stati utilizzati già negli anni precedenti, Palese ha detto: «Non prendere avanzi di amministrazione anno per anno per destinarli alla spesa corrente di solito è ritenuta una scelta virtuosa. Invece di spendere anno per anno, a pioggia, abbiamo ora 350 milioni di euro da utilizzare per investimenti seri». «Che si voglia o no - ha continuato Palese - in questa regione c'è una applicazione reale del patto di stabilità interno ma, soprattutto, c'è una applicazione rigorosa del patto di stabilità interno e di crescita di Mastricht». «Dopo aver raggiunto i pareggi in tutti i settori, compreso quello della sanità - ha detto ancora l'assessore al bilancio - ora c'è la crescita degli investimenti».
Oltre al fondo per gli investimenti, l'elenco prevede 86.332.678,44 euro al fondo per la reiscrizione delle economie vincolate; 14.100.000, 00 euro all'acquisizione della totalità della partecipazione azionaria della Regione Basilicata nell'Acquedotto pugliese nonché la copertura parziale delle tariffe; 5.300.000,00 euro per il pagamento dei consumi energetici dei consorzi di bonifica Terre d'Apulia; 900.000,00 euro per la sottoscrizione di una quota di aumento capitale sociale di Tecnopolis. Nel corso del suo intervento, Palese ha anche annunciato che il decreto tagliaspese ancora in discussione nel governo, potrebbe interessare la Puglia per 6 -7milioni di euro: una riduzione di spese nella pubblica amministrazione (consulenze, manutenzioni, missioni, spese telefoniche, auto blu) che «non porteranno - ha detto - nessun tipo di disagio ai cittadini».
In precedenza erano intervenuti i consiglieri di opposizione Losappio (Prc), Frisullo (Ds), Pepe (Margherita), Potì (Socialisti autonomisti) . Da parte di tutti la certezza «che si tratta di una manipolazione delle cifre e della realtà» e che «questi soldi - come ha detto Potì - derivano da una incapacità di spesa da parte della giunta». E sul fondo per gli investimenti - come ha spiegato Pepe - un avvertimento: l'opposizione non tollererà «abusi, prepotenze o clientelismi in corso d'opera. Il Fondo deve essere all'attenzione del consiglio e deve essere legato esclusivamente a scelte previste dal piano regionale di sviluppo». Le scelte della giunta sono state difese dal presidente della quarta commissione, Pirolo (Fi), dal capogruppo di An, Oronzo Orlando, e dal capogruppo di Fi, Lucio Tarquinio: «ora - ha detto quest'ultimo - abbiamo certezza di risorse, dopo aver attuato un serio controllo dei centri di spesa». E i 350 milioni di euro a disposizione «saranno impiegati al meglio - ha promesso - per sviluppare ricchezza sul territorio».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia