Giovedì 13 Dicembre 2018 | 21:31

GDM.TV

Faeto, la «Repubblica del Prosciutto»

La «Repubblica del Prosciutto» di Faeto il cui nome pare derivi da faggio, è a 886 metri sul livello del mare ed è a breve distanza dal bosco comunale «Difesa Vendicola» dove allignano querce, carpini, castagni, sanguinelle, noccioli, cornioli e faggi.
Inoltre tante sono le sorgenti e i torrenti che scorrono sino alla vicina Valle del Celone e in passato servivano per muovere le ruote di mulini ad acqua, oggi silenti monumenti di un'economia basata sull'agricoltura e sui prodotti dei boschi. In un libro dei fratelli Pirozzoli «I Mulini ad acqua dell'Alta Valle del Celone» la straordinaria documentazione fotografica, storica e leggendaria di quei manufatti.
Se a Faeto (e nella vicina Celle San Vito) parlano franco provenzale così come in alcune zone della Valle D'Aosta, si deve a due circostanze: la prima, la meno suffragata, è che un gruppo di valdesi per sfuggire alle persecuzioni dei papi avignonesi (siamo attorno alla seconda metà del Duecento), si siano rifugiati in Puglia e più in particolare a Faeto, ma si dà più credito a un editto del 1224 di Carlo I d'Angiò che richiamava famiglie «di buona qualità artigiana» e «conoscitori di macchine da guerra» per popolare la nuova cerchia fortificata di Lucera a pochi chilometri dall'attuale Faeto, dopo che i saraceni vi erano stati sconfitti e scacciati. L'8 luglio del 1269, circa duecento soldati franco provenzali che si trovavano in località Casal Crepacuore, poco distante, aderirono all'iniziativa e, finita la guerra, furono raggiunti dalle famiglie dando vita ai borghi di Faeto e di Celle San Vito.
Da vedere la «Casa del Capitano» che ospita il museo etnografico territoriale delle comunità franco-provenzali di Faeto e Celle San Vito. Ospita una raccolta di attrezzi usati non solo per il lavoro dei campi ma anche per tante altre attività legate alla vita stessa del lavoro contadino. Il museo rappresenta oggi la testimonianza Storico-culturale (usi, costumi, tradizioni popolari) della civiltà prettamente contadina, pastorale ed artigianale della vita dell'antica comunità faetana. E' questo, un patrimonio culturale in gran parte sconosciuto ai più giovani: dagli attrezzi specifici per la lavorazione e coltivazione della terra, agli arnesi per la raccolta del fieno; dalla testimonianza delle varie fasi della raccolta del grano a quella dell'allevamento del bestiame; da elementi della transumanza ad oggetti legati alla produzione e lavorazione dei formaggi, alle varie forme d'artigianato e alla stessa vita domestica.
A Faeto oltre al prosciutto che il I° agosto sarà festeggiato con la tradizionale sagra, anche ottimo pane che ancora fanno in pezzature da tre chili e con la semola, buona, la «pizza unta» a base di sugna... insomma «bunvi a Fait» e un ben augurante «accuije», arrivederci per quando lascerete il paese della dolce «lingua d'oc».

V.S.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO