Lunedì 10 Dicembre 2018 | 05:20

GDM.TV

i più visti della sezione

Il maxiemendamento in pillole

ROMA - Tagli alla difesa, per quasi 880 mln, compensati in parte da aumenti delle imposte sugli immobili, ad eccezione della prima casa. Sono queste le misure più importanti contenute nel maxiemendamento alla manovra correttiva sul quale il Governo ha posto il voto di fiducia. Il maxiemendamento «vale» 1080 milioni di Euro, di cui 530 entrate da aumenti di imposte. Vediamo «in pillole» cosa propone il Governo.
- DIFESA: Autorizzati minori tagli alla difesa per 875,5 milioni, quasi la metà di quanto inizialmente previsto (1,8 mld). Di questi, 282,5 mln è la spesa autorizzata per interventi infrastrutturali e di investimento delle Forze armate.
- SFRATTATI: Stanziati al Fondo «per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione» 110 milioni.
- IMMOBILI: gli aumenti delle imposte riguardano soltanto le seconde case, terreni, box, etc. ed è quindi totalmente esclusa la prima casa da questi interventi. Passa dallo 0,25% al 2% l'imposta sostitutiva sui mutui contratti per l'acquisto di una seconda abitazione. Aumenta anche il moltiplicatore ossia il coefficiente di rivalutazione catastale ai fini dell'imposta di registro nelle compravendite che passa dal 10 al 20% e che coinvolge tutti gli immobili, sempre ad eccezione della prima casa. Tale intervento non incide sull'Ici.
- COMUNI: A Regioni e Comuni virtuosi, quelli cioè che hanno rispettato gli obiettivi del patto di stabilità interno, non si applica il taglio del 10% sulle spese già impegnate al momento dell'entrata in vigore del decreto. I Comuni con popolazione fino a 1.000 abitanti ed i comuni montani con popolazione fino a 5.000 non saranno obbligati a passare per la Consip per l'acquisto di beni e servizi.
- CONDONO EDILIZIO: Le domande relative alla definizione di illeciti edilizi presentate prima della recente sentenza della Corte Costituzionale sulla materia restano valide a tutti gli effetti facendo, comunque, salvi gli effetti penali.
- MARCHE DA BOLLO: Aumentano da 10,33 ad 11 Euro.
- PROTEZIONE CIVILE: Stanziati 15 milioni.
- ASSICURAZIONI: Arrivano 50 milioni per il fondo di solidarietà delle assicurazioni. Le compagnie dovranno però versare entro il 30 novembre l'intero importo (0,30%) dell'imposta sulle riserve matematiche dei rami vita e non più solo lo 0,25% come acconto.
- DEMANIO: Rinviato al 30 ottobre 2004 il termine per ricalcolare i canoni demaniali, in modo tale da «consentire il completamento degli accertamenti tecnici in corso, d'intesa con le regioni interessate».
- TAGLI AL WELFARE: Ridotti gli stanziamenti al Ministero del Welfare per 479 milioni di euro per il bilancio 2004-2006.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti

 
Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
Porto di Taranto, ecco l' ingresso spettacolare della portaerei Cavour

Porto di Taranto, ecco l'ingresso spettacolare della portaerei Cavour