Domenica 17 Gennaio 2021 | 23:48

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

Musa Arafat: «Non mi dimetterò»

GAZA - Mussa Arafat, il cugino del presidente palestinese la cui nomina ieri a capo dei servizi di sicurezza dell'Anp ha suscitato proteste e violenze, in particolare nella Striscia di Gaza, ha dichiarato oggi che non intende dimettersi.
«Non darò le dimissioni: il solo che può dimettermi è chi mi ha nominato» ha detto ai giornalisti, alludendo al cugino Yasser Arafat, capo dell'amministrazione palestinese. Tremila persone hanno manifestato ieri sera per le strade di Gaza City per protestare contro la nomina di Mussa Arafat. Nella notte un gruppo di uomini armati ha incendiato, dopo averlo assaltato e occupato, un comando dei servizi segreti militari - di cui Mussa Arafat è il capo - a Khan Younis, nel sud della Striscia.
L'assalto è stato rivendicato dalle Brigate Al Aqsa, un gruppo armato vicino al movimento Al Fatah di Yasser Arafat. Le Brigate hanno definito in un comunicato Mussa Arafat «simbolo della corruzione» nell'amministrazone palestinese. «Questo è un messaggio chiaro a Mussa Arafat il corrotto: non accettiamo la sua nomina, deve dimettersi» hanno affermato.
In polemica con le decisioni prese da Arafat si è dimesso dall'incarico questa mattina il capo della polizia navale palestiense Jomaa Ghali, che avrebbe dovuto passare sotto l'autorità del nuovo capo della sicurezza generale, Mussa Arafat. «La situazione attuale ci conduce verso la sedizione: in queste condizioni non posso continuare a assumere le mie funzioni» ha scritto Ghali nella lettera di dimissioni inviata a Yasser Arafat.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400