Lunedì 17 Dicembre 2018 | 17:23

GDM.TV

i più visti della sezione

Fedelissimi di Arafat i capi dei tre servizi di sicurezza

RAMALLAH - Sono tutti fedelissimi del presidente palestinese Yasser Arafat i capi dei tre servizi di sicurezza palestinese nei quali oggi l'anziano rais ha fuso la pletora dei precedenti 12 dipartimenti incaricati in teoria di garantire la sicurezza nei Territori.
La nomina di maggiore rilievo è quella del cugino del presidente palestinese, Mussa Arafat. In base al decreto pubblicato oggi dalla presidenza palestinese, manterrà alle proprie dipendenze dirette i servizi segreti militari e diventerà inoltre il capo della sicurezza generale palestinese.
Mussa, esponente di spicco del 'clan' Arafat, è uno dei dirigenti palestinesi più discussi.
Il secondo servizio unificato, quello della polizia, sarà guidato dal generale Saeb Al-Ajez, un altro fedelissimo del rais. Al-Ajez sostituisce Ghazi Jalabi, capo uscente della polizia palestinese a Gaza e in Cisgiordania, rapito e sequestrato per 4 ore ieri a Gaza City da un gruppo armato che ne ha chiesto le dimissioni a Arafat, accusandolo di corruzione.
Il terzo ramo dei nuovi servizi di sicurezza palestinesi, quello dell'intelligence civile, rimane guidato dal generale Amin al-Hindi.
La comunità internazionale chiede da tempo ad Arafat una riforma dei servizi di sicurezza da lui controllati personalmente attraverso una concentrazione in tre servizi, da porre sotto l'autorità di un ministro degli interni forte nel governo del premier Abu Ala. Questo per consentire al governo di riprendere il controllo della sicurezza nei territori e porre fine allo stato attuale di anarchia ed alla violenza dei gruppi armati, che finora Arafat non ha voluto contrastare.
La prima domanda sembra essere stata accolta, la seconda, il passaggio dei poteri sui serrvizi al governo di Abu Ala, non ancora. «La passività e l'inazione» del presidente palestinese sono state criticate nei giorni scorsi dall'inviato Onu in Medio Oriente, il norvegese Terje Roed-Larsen, che ha parlato della situazione di «caos» crescente nei territori, dove «l'autorità legale sta rapidamente cedendo il passo al potere montante delle armi, dei soldi, della intimidazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano