Domenica 24 Gennaio 2021 | 00:57

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariBurrasca in arrivo
Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

 
BrindisiIl caso
Presunti abusi al porto di Brindisi: 12 richieste a processo

Presunti abusi edilizi nel porto di Brindisi: chiesto il processo per 12 persone

 
LeccePuglia, cinema e tv
Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

 
TarantoIl caso
Taranto, poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati medici

Poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati i medici

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

La bonifica da mine responsabilità di un cane da pastore italiano

NASSIRIYA - Tre giorni fa una bambina irachena è saltata su una mina, una «cluster bomb» risalente alla prima guerra del Golfo: oggi gli artificieri del 3/o reggimento Genio guastatori di Udine sono intervenuti in questa area sperduta, ad una ottantina di chilometri da Nassiriya, per bonificarla dagli ordigni inesplosi.
All'operazione ha partecipato anche Bali, un pastore tedesco anti-esplosivo, che fa parte del nucleo cinofilo del contingente italiano. «Anche per i cani il vero problema è il caldo», spiega uno degli istruttori, il maresciallo Andrea Lombardi. «Il loro unico strumento è l'olfatto. E quindi: naso aperto e bocca chiusa. Ma sopra i 40 gradi è impossibile lavorare in apnea. Per questo li facciamo uscire solo la mattina, di buon'ora, oppure la sera».

L'area bonificata dai militari italiani è di circa 400 metri per 200. L'hanno segnalata gli stessi abitanti del posto. Per terra sono disseminate almeno una cinquantina di bombe a grappolo, del tipo di quelle usate dagli americani nel '91. Sono tutte ovviamente in cattivo stato «ma può bastare un piccolo urto - spiega il maresciallo capo Mariano Martone - per farle esplodere». Quello che deve essere successo alla bambina di un villaggio vicino, che con queste bombe ha convissuto per 13 anni. «Una percentuale variabile dal 10 al 20% delle 'cluster bomb' sganciate dagli aerei non esplode», racconta un altro esperto del Genio, il maresciallo capo Francesco Capozzio. «A questo punto - continua - diventano delle mine a tutti gli effetti: basta passarci sopra, una botta, una piccola pressione. Per questo sono ordigni molto pericolosi».
Dopo aver delimitato l'area e sistemato l'esplosivo sulle cluster da distruggere, alcune delle quali sono state collegate in serie tra loro, gli artificieri si allontanano e procedono al brillamento: sette-otto esplosioni e la zona adesso è pulita.
Bali, il pastore tedesco, guarda la scena sdraiato all'ombra di un camion. Accanto, come sempre, il suo conduttore, il geniere Alessandro Furno. I due sono inseparabili, in Italia e anche all'estero: Kosovo, e ora Iraq. Il maresciallo Lombardi, l'istruttore, che è un riservista, si tiene in disparte: «Non mi intrometto. Il rapporto è tra loro due, è molto personale. Al massimo posso dare qualche consiglio».
Alcuni artificieri Usa che collaborano alla bonifica, invidiano ai militari italiani dei cani come Bali. «Un cane di tre anni, con questo livello di addestramento - spiega Lombardi - vale sul mercato 40.000 dollari circa. Le organizzazioni non governative che si occupano di bonifica umanitaria lo acquisterebbero anche domani, per poi farsi pagare 15.000 dollari per ogni mese di sminamento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400