Martedì 11 Dicembre 2018 | 19:25

GDM.TV

i più visti della sezione

L'Udc vuole il calo delle tasse in due fasi

ROMA - Tre ore di confronto serrato servito più per esporre le proprie posizioni sui diversi temi che per trovare una «sintesi» in grado compattare la maggioranza su un programma unitario.
Un primo vertice della maggioranza sull'economia si è tenuto stamattina al Tesoro presenti le diverse delegazioni della maggioranza: il sottosegretario Vegas e l'economista Brunetta per Forza Italia; i sottosegretari all'Economia Molgora e alle Politiche Agricole Dozzo per la Lega; i ministri Gasparri, Alemanno e il vice ministro Baldassarri per An; i parlamentari Peretti e Tarolli, con il sottosegretario al Tesoro Magri per l'Udc. I presenti si sono dati di nuovo appuntamento alle 15 del pomeriggio, prima dell'incontro delle 18 al quale è prevista anche la partecipazione del premier Silvio Berlusconi.
All'incontro l'Udc ha ribadito l'esigenza che la riforma fiscale debba essere subordinata al rispetto dei conti pubblici, indicando nel Dpef anche il deficit tendenziale del 2005. Ma i centristi avrebbero soprattutto avanzato un diverso timing per la riforma fiscale, proponendo di procedere prima (nel 2005) con l'Irap e poi (nel 2006) con la riduzione dell'Irpef. Per l'Udc gli sconti Irap dovrebbero essere selettivi, finalizzati a dare la spinta all'economia: andrebbero così favorite le imprese che investono nella ricerca, che puntano ad un accorpamento aziendale, che puntano sui mercati internazionali.
La tasse sono un punto sul quale i diversi partiti sono ancora divisi. Forza Italia punterebbe a portare avanti la riduzione fiscale, attribuendo più risorse al calo dell'Irpef, mentre An lavorerebbe ad una ripartizione dei risparmi di spesa per abbattere, da una parte Irap (il 30% delle risorse) e dall'Irpef (il 70%). La Lega, con il sottosegretario Molgora, ha invece proposto l'introduzione di una franchigia fissa sul costo del lavoro utilizzato nella base imponibile Irap. In questo modo si favorirebbero le imprese medio-piccole evitando invece il meccanismo di 'scontò del 20% del costo del lavoro, che sarebbe ora sul tavolo e che ovviamente favorirebbe le grandi imprese. Dalla Lega anche la richiesta di rimodulare la no tax area Irpef tenendo conto delle diversità regionali (o addirittura provinciali) del costo della vita, applicando così l'esenzione Irpef a seconda della diversa soglia di povertà registrata localmente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie