Lunedì 10 Dicembre 2018 | 03:57

GDM.TV

i più visti della sezione

Il gen. Spagnuolo dovrebbe essere sostituito fra breve dal gen. Alexitch

NASSIRIYA - Il contingente di Antica Babilonia resterà a Nassiriya ancora a lungo? «Credo proprio di sì», risponde il generale Francesco Paolo Spagnuolo, Iraq Generale Spagnuolo comandante dei militari italiani in Iraq. Giunto ormai alla fine del suo mandato di quattro mesi (dovrebbe essere sostituito tra una settimana dal generale Vladimiro Alexitch, attualmente comandante della Scuola delle truppe corazzate di Lecce), Spagnuolo è convinto che «con il tempo le cose saranno più facili, perché si ridurrà sempre più quella parte della popolazione che vede ancora in modo non favorevole la nostra presenza. Ma certo ci vorrà ancora un po'. Io dico, dunque, che la missione italiana non si chiuderà il 31 dicembre, e probabilmente neanche il 31 dicembre 2005».
Secondo Spagnuolo «nel momento in cui si comincia un certo rapporto di collaborazione, tirarsi indietro può diventare estremamente negativo. Negativo sia per la Nazione che si ritira, sia per il Paese che si sta aiutando. Non si può aiutare qualcuno a camminare e lasciarlo prima che abbia imparato. Quindi credo che la missione durerà parecchio». E questo con qualsiasi Governo? «Con qualsiasi Governo», risponde Spagnuolo, che - senza voler entrare in questioni politiche, che non lo riguardano - si limita a ricordare «le esperienze negli altri teatri operativi».
«Nessuno pensava, tanto per dire - afferma il generale - che la Bosnia potesse durare 12 anni. Ma qui in Iraq la situazione è per molti aspetti più facile, non ci sono le lotte tra le etnie che hanno infiammato i Balcani. Sciiti, curdi e sunniti possono convivere tranquillamente. Quindi la missione italiana in Iraq durerà ancora, ma certo non quanto quelle in Bosnia o in Kosovo».
Dopo 120 giorni in Iraq, Spagnuolo traccia un bilancio «estremamente positivo: per quello che i militari italiani hanno fatto, per la fiducia che stiamo dando alla gente. Ci sono stati grandi progressi. Si vede anche dalle facce degli iracheni. Prima erano diffidenti, spaventati, preoccupati. Ora si comincia finalmente a vedere un'espressione serena. C'è grande apertura nei confronti dei militari italiani».
Eppure sono stati attaccati più volte. «Non per questo è venuto meno il consenso della popolazione nei nostri confronti, altrimenti non avremmo potuto continuare a lavorare dopo gli ultimi terribili scontri. Il fatto è che ci sono tante diffidenze, difficili da eliminare tutte d'un colpo».
Ma chi sono gli organizzatori di questi attacchi? «Chiamarli resistenti - risponde il generale - vuol dire offendere certi valori. Sono piuttosto dei terroristi, strumentalizzati da chi si oppone ad un cambiamento così forte, democratico del Paese, e ha interesse a mantenere una situazione di diffusa instabilità. Mi riferisco ad esponenti della vecchia classe dirigente, agli integralisti religiosi (come lo sceicco Aus al Khafaji, braccio destro di al Sadr, che però sembra ora emigrato a Baghdad) e ovviamente anche ad Al Qaeda». Per il futuro, secondo Spagnuolo, «c'è da temere di meno, ma non si deve mai abbassare la guardia. Restano sempre attivi, infatti, piccoli gruppi, gestiti anche da molto lontano, che hanno come unico obiettivo di far piombare il Paese nel caos. E questo riguarda anche l'area di Nassiriya: ci sono molti interessi in gioco, tanti soldi che girano, una commistione perversa tra criminalità comune e terrorismo ed è facile convincere qualcuno a mettersi dietro un angolo e tirare un razzo contro una pattuglia italiana».
Il passaggio di poteri al governo ad interim è stato probabilmente troppo precipitoso: «forse avere più tempo per preparare la classe dirigente sarebbe servito», ammette Spagnuolo. «Ma avevamo una data, una parola da mantenere». Comunque, per il generale, «la cosa più importante è che la Coalizione resterà per aiutare la popolazione a trovare soluzioni buone per tutti». «Anche a Nassiriya - dice - non ci siamo ritirati nei nostri compound, non abbiamo abbandonato il governatore a se stesso, ma continuiamo a lavorare con lui tutti i giorni. E in questo impegno - conclude Spagnuolo - la gente è con noi e ci chiede di andare avanti. Gli iracheni hanno capito che stiamo lavorando per loro, che lo stiamo facendo bene e seriamente. Per questo si dissociano dalle azioni dei miliziani e credo che, anche grazie al contributo dei cittadini, la polizia locale prima o poi prenderà i responsabili degli scontri di maggio in cui venne ucciso il lagunare Vanzan».
Vincenzo Sinapi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti

 
Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
Porto di Taranto, ecco l' ingresso spettacolare della portaerei Cavour

Porto di Taranto, ecco l'ingresso spettacolare della portaerei Cavour