Mercoledì 24 Aprile 2019 | 03:51

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, e adesso cosa si fa?Si accarezza il sogno scudetto

Bari, e adesso cosa si fa?
Si accarezza il sogno scudetto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLa strage
Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

Mafia, intitolato ai fratelli Luciani presidio Libera San Marco in Lamis

 
LecceL'inchiesta
Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

Lecce, magistrati arrestati: chiesto incidente probatorio. Altro pm indagato

 
PotenzaLe indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
BariL'intervista
Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

Loredana Ascenza Fasano: «Ricomincio dai Verdi dopo la rinuncia ambientalista M5S»

 
MateraOperazione della Polizia
Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

Metaponto, nello zaino con un chilo di droga: in cella gambiano

 
BatIl furto
Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

Trinitapoli, rubano 5mila carciofi dai campi: 4 arresti

 
BrindisiVento forte
Brindisi, maltempo blocca nel porto traghetto per Valona

Brindisi, traghetto bloccato dal vento nel porto: era diretto a Valona

 
TarantoL'operazione dei cc
Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

Laterza, ruba alcol, soldi e tabacchi in un bar: arrestato 40enne

 

Il gen. Spagnuolo dovrebbe essere sostituito fra breve dal gen. Alexitch

NASSIRIYA - Il contingente di Antica Babilonia resterà a Nassiriya ancora a lungo? «Credo proprio di sì», risponde il generale Francesco Paolo Spagnuolo, Iraq Generale Spagnuolo comandante dei militari italiani in Iraq. Giunto ormai alla fine del suo mandato di quattro mesi (dovrebbe essere sostituito tra una settimana dal generale Vladimiro Alexitch, attualmente comandante della Scuola delle truppe corazzate di Lecce), Spagnuolo è convinto che «con il tempo le cose saranno più facili, perché si ridurrà sempre più quella parte della popolazione che vede ancora in modo non favorevole la nostra presenza. Ma certo ci vorrà ancora un po'. Io dico, dunque, che la missione italiana non si chiuderà il 31 dicembre, e probabilmente neanche il 31 dicembre 2005».
Secondo Spagnuolo «nel momento in cui si comincia un certo rapporto di collaborazione, tirarsi indietro può diventare estremamente negativo. Negativo sia per la Nazione che si ritira, sia per il Paese che si sta aiutando. Non si può aiutare qualcuno a camminare e lasciarlo prima che abbia imparato. Quindi credo che la missione durerà parecchio». E questo con qualsiasi Governo? «Con qualsiasi Governo», risponde Spagnuolo, che - senza voler entrare in questioni politiche, che non lo riguardano - si limita a ricordare «le esperienze negli altri teatri operativi».
«Nessuno pensava, tanto per dire - afferma il generale - che la Bosnia potesse durare 12 anni. Ma qui in Iraq la situazione è per molti aspetti più facile, non ci sono le lotte tra le etnie che hanno infiammato i Balcani. Sciiti, curdi e sunniti possono convivere tranquillamente. Quindi la missione italiana in Iraq durerà ancora, ma certo non quanto quelle in Bosnia o in Kosovo».
Dopo 120 giorni in Iraq, Spagnuolo traccia un bilancio «estremamente positivo: per quello che i militari italiani hanno fatto, per la fiducia che stiamo dando alla gente. Ci sono stati grandi progressi. Si vede anche dalle facce degli iracheni. Prima erano diffidenti, spaventati, preoccupati. Ora si comincia finalmente a vedere un'espressione serena. C'è grande apertura nei confronti dei militari italiani».
Eppure sono stati attaccati più volte. «Non per questo è venuto meno il consenso della popolazione nei nostri confronti, altrimenti non avremmo potuto continuare a lavorare dopo gli ultimi terribili scontri. Il fatto è che ci sono tante diffidenze, difficili da eliminare tutte d'un colpo».
Ma chi sono gli organizzatori di questi attacchi? «Chiamarli resistenti - risponde il generale - vuol dire offendere certi valori. Sono piuttosto dei terroristi, strumentalizzati da chi si oppone ad un cambiamento così forte, democratico del Paese, e ha interesse a mantenere una situazione di diffusa instabilità. Mi riferisco ad esponenti della vecchia classe dirigente, agli integralisti religiosi (come lo sceicco Aus al Khafaji, braccio destro di al Sadr, che però sembra ora emigrato a Baghdad) e ovviamente anche ad Al Qaeda». Per il futuro, secondo Spagnuolo, «c'è da temere di meno, ma non si deve mai abbassare la guardia. Restano sempre attivi, infatti, piccoli gruppi, gestiti anche da molto lontano, che hanno come unico obiettivo di far piombare il Paese nel caos. E questo riguarda anche l'area di Nassiriya: ci sono molti interessi in gioco, tanti soldi che girano, una commistione perversa tra criminalità comune e terrorismo ed è facile convincere qualcuno a mettersi dietro un angolo e tirare un razzo contro una pattuglia italiana».
Il passaggio di poteri al governo ad interim è stato probabilmente troppo precipitoso: «forse avere più tempo per preparare la classe dirigente sarebbe servito», ammette Spagnuolo. «Ma avevamo una data, una parola da mantenere». Comunque, per il generale, «la cosa più importante è che la Coalizione resterà per aiutare la popolazione a trovare soluzioni buone per tutti». «Anche a Nassiriya - dice - non ci siamo ritirati nei nostri compound, non abbiamo abbandonato il governatore a se stesso, ma continuiamo a lavorare con lui tutti i giorni. E in questo impegno - conclude Spagnuolo - la gente è con noi e ci chiede di andare avanti. Gli iracheni hanno capito che stiamo lavorando per loro, che lo stiamo facendo bene e seriamente. Per questo si dissociano dalle azioni dei miliziani e credo che, anche grazie al contributo dei cittadini, la polizia locale prima o poi prenderà i responsabili degli scontri di maggio in cui venne ucciso il lagunare Vanzan».
Vincenzo Sinapi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Maltempo a Bari, cade giù albero in via Adriatico

Maltempo sferza Bari, cadono alberi in via Adriatico

 
Bari, alberi caduti in Piazza Moro: il video

Bari, alberi caduti in Piazza Moro: il video

 
Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

Pasquetta a Bari, gita fuori porta anche per i cinghiali: il pic nic tra i rifiuti

 
Cinquanta giovani atlete pugliesidi fronte ai tecnici del settore nazionali

Cinquanta giovani atlete pugliesi
di fronte ai tecnici del settore nazionali

 
Nazionale seniores maschiletutto gira attorno a Bari

Nazionale seniores maschile
tutto gira attorno a Bari

 
Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

Foggia, blitz antidroga sul Gargano: le videointercettazioni

 
Sommergibili, 24 nuovi "delfini"consegnati a Taranto i brevetti

Sommergibili, 24 nuovi "delfini"
consegnati a Taranto i brevetti

 
Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

Abusivismo commerciale: GdF sequestra in Puglia 3,4 milioni di prodotti contraffatti

 
Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta