Lunedì 17 Dicembre 2018 | 14:08

GDM.TV

Caruso: noi inquisiti come Pertini

ROMA - «Sono fiero e orgoglioso di affrontare un processo per cospirazione politica, poichè gli ultimi inquisiti per questo reato sono stati Sandro Pertini durante la dittatura fascista e prima ancora Giuseppe Mazzini perseguitato dagli austriaci». E' quanto afferma Francesco Caruso, uno dei leader dei Disobbedienti napoletani, rinviati a giudizio dalla procura di Cosenza.
«Noi - aggiunge Caruso - andiamo al processo a testa alta, consapevoli che sul banco degli imputati ci sono i nostri ideali, le nostre idee e le nostre battaglie sociali per un altro mondo possibile, ad essere processati non siamo 13 ma siamo 300.000, quella generazione politica che da dopo Genova si è messa in movimento per affermare diritti, giustizia sociale e democrazia».
«Chi deve chinare la testa e vergognarsi - aggiunge - sono quei personaggi inquietanti della magistratura cosentina che hanno portato avanti questo teorema preconfezionato dai ROS degno della santa inquisizione, un teorema per il quale chi si mobilita contro i potenti, le prepotenze e le ingiustizie sociali merita dagli 8 ai 20 anni di carcere».
Secondo Caruso ancor più inquietante «sono le promozioni che hanno ottenuto gli artefici di questo persecuzione politica contro il movimento no global: il Gip Nadia Plastina, che ha firmato all'epoca l'ordine di arresto per 18 attivisti, è diventata consulente del governo Berlusconi durante il semestre Europeo. Il Pm Fiordalisi, dopo anni, finalmente ha ottenuto il suo ritorno alla procura di Paola, dove fu allontanato dopo vari procedimenti e processi per corruzione che lo avevano visto protagonista».
«Se pensano di liquidare il movimento come un fenomeno criminale da debellare dentro le aule dei tribunali si sbagliano di grosso - conclude -. Non ci lasceremo intimidire e anzi già oggi pomeriggio (corteo con concentramento alle ore 17.30), saremo in piazza a Napoli con i movimenti di lotta, per denunciare il clima repressivo con il quale si tenta di zittire e criminalizzare le istanze e le rivendicazioni sociali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini