Giovedì 13 Dicembre 2018 | 23:50

GDM.TV

I punti essenziali della relazione di Cheli

ROMA - L'impegno dell'Autorità alla luce del nuovo quadro normativo; gli effetti positivi della liberalizzazione delle tlc; l'eccessiva concentrazione delle risorse del mercato tv nelle mani di Rai e Mediaset; la validità del modello di "Autorità di convergenza", pur nel divario tra le funzioni assegnate e le risorse a disposizione.
Questi i punti essenziali della Relazione annuale al Parlamento di Enzo Cheli, presidente dell'Autorità per garanzie nelle Comunicazioni: la sesta e ultima relazione di Cheli, che assume perciò anche un valore di bilancio di sei anni di attività di un organismo di garanzia nato proprio con l'attuale Consiglio.
Quello appena trascorso, esordisce Cheli, è stato un «anno cruciale», nel corso del quale sono profondamente mutate le regole a livello europeo (le cinque direttive sulla comunicazione elettronica, quella sulla concorrenza nel mercato delle reti e dei servizi e la raccomandazione sui mercati rilevanti) e nazionale (in particolare, con il varo del Codice delle comunicazioni elettroniche e della legge Gasparri).
L'Autorità, sottolinea Cheli, è impegnata nell'attuazione del nuovo quadro normativo. In primo luogo nelle tlc, con l'analisi dei 18 mercati rilevanti. Poi, nell'audiovisivo, con l'attivazione delle 25 nuove competenze che la Gasparri assegna all'organismo di garanzia, in tema di pianificazione, controllo delle posizioni dominanti (entro luglio si annuncia la decisione sui provvedimenti da adottare nei confronti di Rai e Mediaset), vigilanza sulla Rai (soprattutto in materia di par condicio) e tutela dei minori. In particolare, su quest'ultimo fronte, sono 35 le segnalazioni trasmesse all'Autorità dal Comitato tv-minori, con l'approvazione di 8 ingiunzioni e 17 contestazioni relative a programmi pornografici, violenti o nocivi per i bambini.
Nel settore delle tlc, Cheli mette in evidenza gli effetti positivi della liberalizzazione: con l'aumento dell'offerta dei servizi sono diminuiti i prezzi, un successo riconosciuto anche dall'Unione Europea. Quanto al settore radiotelevisivo, il quadro - sottolinea ancora il presidente dell'Autorità - sta cambiando, grazie allo sviluppo di piattaforme alternative alla tv analogica in concorrenza tra loro, il satellitare in primis con il monopolio di Sky, ma anche l'avvio del digitale terrestre. Tuttavia, secondo Cheli, resta una strozzatura delle risorse economiche, per l'eccessiva concentrazione della pubblicità (e dell'audience) in due soli soggetti, Rai e Mediaset, che da soli rastrellano l'86.5% delle risorse pubblicitarie.
Alla luce dell'esperienza di sei anni di attività, l'organismo di garanzia sottolinea la validità del modello della "Autorità della convergenza" tracciato nella legge Maccanico: resta però, anzi si aggrava - conclude Cheli - il divario tra le funzioni, che sono pressoché raddoppiate dopo le recenti leggi, e le risorse, ridotte del 12% nell'ultima Finanziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO