Giovedì 13 Dicembre 2018 | 21:06

GDM.TV

Standard & Poor's ha ridotto il rating sul debito pubblico italiano

ROMA - Standard & Poor's ha ridotto il rating sul debito pubblico italiano portandolo dal precedente "AA" ad "AA-". La prospettiva è stabile. La decisione, spiega l'agenzia di rating,è dovuta «al deterioramento dei conti pubblici sia nel 2004 che nel prossimo futuro».
Il rating sul debito a breve termine è stato invece confermato a 'A-1+'. «Le difficoltà della coalizione di governo ad affrontare gli squilibri di bilancio non favoriscono la prospettiva di migliorare la debole situazione della finanza pubblica italiana e ottenere miglioramenti strutturali duraturi di bilancio», scrive S&P che porta a stabile l'outlook spiegando di attendere dal Governo azioni di contenimento del debito. E, sottolinea che, anche in caso di una crescita del 2% nel 2006 e negli anni successivi, dopo l'1,2% previsto per quest'anno, «rimane la necessità di aggiustamenti di bilancio». Lo precisa nella nota Moritz Kraemer, analista della società, spiegando che un incremento del debito e ed un fallimento anche per quanto riguarda il contenimento della spesa per le pensioni, creerebbe le condizioni per nuove pressioni sull'Italia negli anni prossimi. Al contrario - si legge ancora nella nota - l'attuale rating potrebbe essere rivisto al rialzo nel caso fossero messe a punto politiche mirate ad un ritorno strutturale ad un surplus dell'avanzo primario sui livelli degli anni '90.
La manovra sui conti pubblici che il governo si prepara ad approvare non sarà sufficiente a contenere il deficit sotto il limite del 3% del pil. Secondo S&P, la correzione da 7,5 miliardi, pari allo 0,6% del pil, «potrebbe limitare l'incremento del deficit al 3,1% del pil nel 2004». Questo se le misure fossero «completamente attuate», sottolinea S&P che parla anche di «entrate aggiuntive legate alla dismissione del patrimonio immobiliare pubblico e alle privatizzazioni». Il debito pubblico si attesterebbe al 105,6%.
Il deficit pubblico italiano «è salito significativamente nel 2004 e un ulteriore accrescimento è prevedibile nel 2005 se saranno attuati i previsti ambiziosi tagli delle tasse per circa 12 miliardi di euro (0,9% del pil)», ha spiegato l'analista di S&P Moritz Kraemer. Secondo l'agenzia di rating, «se i previsti tagli fiscali non saranno accompagnati da una adeguata riduzione delle spese, il deficit potrebbe schizzare fino al 4% nel 2005 e nel 2006, mentre l'avanzo primario potrebbe scendere sotto l'1,5% del pil». Per S&P per circa dieci anni il debito pubblico resterà inchiodato intorno al 105% del pil.
Piazza Affari in peggioramento dopo il taglio al rating italiano. Il Mibtel cede lo 0,22% a 20.870 punti, mentre il Mib30 è in flessione dello 0,31% a quota 27.861.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO