Giovedì 13 Dicembre 2018 | 00:31

GDM.TV

I sei punti della dichiarazione Ecofin

BRUXELLES - La dichiarazione con la quale l'Ecofin ha chiuso la procedura dell'early warning verso l'Italia si articola in sei punti. Ecco di seguito il testo:
1- Il Consiglio considera che l'early warning è una parte essenziale del Patto di stabilità e di crescita. La Commissione, proponendo il 28 aprile scorso una raccomandazione al Consiglio per lanciare un early warning all'Italia allo scopo di prevenire la possibilità di un deficit eccessivo, ha in ogni caso agito in accordo con quanto previsto dal Patto di stabilità e di crescita.
2- Il Consiglio dà il benvenuto ai seguenti impegni del governo italiano: A) assicurare che il valore di riferimento del 3% del Pil non venga superato nel 2004; a questo scopo, il governo intende sviluppare un pacchetto di misure addizionali dal valore di 7,5 miliardi di euro; B) applicare il programma di bilancio 2004 con rigore, evitando ogni sforamento che potrebbe aggravare la posizione di bilancio e usando ogni margine di manovra budgetaria e derivante da una crescita più alta del previsto, per ridurre il deficit.
3- Alla luce di questi impegni del governo italiano, il Consiglio considera che l'Italia abbia risposto alle preoccupazioni espresse dalla raccomandazione delle Commissione rispetto al rischio di sforare la soglia del 3% nel rapporto deficit-Pil nel 2004. La raccomandazione non è messa al voto e la procedura è chiusa.
4- Il Consiglio nota comunque che c'è bisogno di accelerare la riduzione del debito pubblico e di assicurare che il deficit resti sotto il tetto del 3% del Pil anche nel 2005 e oltre. Ogni riduzione di tasse deve essere finanziato da tagli equivalenti di spesa pubblica.
5- Il Consiglio continuerà a monitorare gli sviluppi di bilancio, in particolare la dinamica del debito e i programmi per il 2004.
6- Il Consiglio assume questa decisione all'unanimità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive