Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 04:23

GDM.TV

i più visti della sezione

Le coste europee sono in pericolo

ROMA -


In molte delle zone costiere europee l'erosione provocata dal mare è un processo naturale che esiste da milioni di anni. Ma il fenomeno è aggravato dalle attività dell'uomo, dall'inasprirsi di fenomeni di inquinamento, dalla costruzione di opere e infrastrutture che hanno prodotto squilibri profondi nel sistema idrogeologico. Le tradizionali opere ingegneristiche pesanti, come le dighe foranee o i frangiflutti, non sempre riescono a impedire l'erosione, anzi, in alcuni casi, la accelerano. E gli interventi di contenimento che spesso hanno accompagnato la realizzazione di grandi opere non hanno circoscritto i fenomeni: in alcune zone della costa del Mar Baltico in Lettonia l'erosione naturale avanzata per migliaia di anni alla velocità di 1 metro e mezzo l'anno, fino a quando è stato realizzato a Ventspils un porto petrolifero, dotato di sistemi anti-erosione per il litorale circostante. Da allora la costa arretra di 3-3,5 metri l'anno.
E' inoltre cambiata la natura stessa dei territori che costeggiano il mare: la sabbia viene progressivamente contaminata se non sostituita dai detriti portati dai corsi d'acqua inquinati. Ogni anno 100 milioni di tonnellate di sabbia che servivano a ricostituire in modo naturale gli habitat costieri sono saccheggiate per approvvigionare il comparto delle costruzioni o impiegate in opere del genio civile. Le città costiere hanno preso ogni genere di provvedimento per limitare i danni. Le soluzioni più radicali consistono nella realizzazioni di differenti tipologie di dighe e strutture, con l'effetto di attenuare i fenomeni localmente, spostando gli effetti dell'erosione. Secondo la ricerca europea sugli 875 km di litorali che hanno cominciato a subire i danni dell'erosione negli ultimi 20 anni, il 63% è situato a meno di 30 km da zone costiere dove si sono realizzati questi tipi di intervento pesante. Ma esistono delle controindicazioni anche per sistemi meno pesanti: il rafforzamento delle spiagge avviene spesso grazie alla sabbia prelevata dai fondali marini erbosi, proprio quelli che esercitano una funzione di difesa dall'erosione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia