Lunedì 17 Dicembre 2018 | 13:12

GDM.TV

Blix, ex capo degli ispettori dell'Onu in Iraq: «Sollievo pe il popolo iracheno vedere Saddam in tribunale»

ROMA - «Credo che il popolo iracheno si senta sollevato nel vedere Saddam Hussein davanti a un tribunale formato da giudici iracheni. Sarà sollevato all'idea che la verità finalmente verrà alla luce. Gli iracheni hanno vissuto decenni di tirannia, deve essere una liberazione per loro sbarazzarsene. Ma ciò che non vogliono, ora, è che quella tirannia sia sostituita da un'occupazione».
Hans Blix, ex capo degli ispettori dell'Onu in Iraq - a Roma per ricevere il premio internazionale Colombe d'Oro per la pace dell'Archivio Disarmo - pensa che in Iraq possa accadere qualcosa di simile a ciò che è avvenuto in Sudafrica, con la fine dell'incubo aparteid: il popolo, la gente dell'Iraq avrà bisogno di ricostruire ciò che è realmente accaduto, ripercorrere la sua storia. «Ma ciò - sottolinea - richiede che si proceda con una esposizione fedele dei fatti».
Oggi Saddam Hussein, comparso per la prima volta davanti al Tribunale speciale iracheno (Tsi) ha avuto un atteggiamento di sfida nei confronti dei suoi giudici. «Probabilmente si sente offeso, umiliato, come lo sarebbe stato in circostanze analoghe Nabucodonosor» commenta Blix. «Sono contrario alla pena di morte per chiunque in qualunque caso - aggiunge -. Ma se c'è qualcuno che ha dimestichezza con la pena di morte, questi è Saddam Hussein».
Blix ribadisce di aver sempre ritenuto sbagliata la guerra fatta dagli Stati Uniti contro Baghdad. «Io in Iraq c'ero e ho visto quello che è successo. Abbiamo fatto 700 ispezioni. Le armi di distruzioni di massa non c'erano. La guerra - afferma - è stata un errore poichè basata su una rappresentazione errata dei fatti». Io non sono un pacifista, chiarisce, il mondo libero può dover ricorrere alla guerra, ma solo come ultima ratio. «La verità - insiste - è che l'Iraq non era un vero pericolo nè per i suoi vicini nè per il mondo».
Ma adesso, secondo Hans Blix quello che conta è che vi sia un vero passaggio di potere agli iracheni, e che la popolazione non senta di avere un governo 'longa manus' degli Stati Uniti.
I premi Colombe d'oro per la pace, alla ventesima edizione e consegnati questa sera in Piazza del Campidoglio a Roma, sono quest'anno dedicati alle donne.
Come era la loro condizione sotto il regime di Saddam Hussein? «Devo dire che l'atteggiamento nei loro confronti - afferma Blix - era molto più costruttivo che in qualsiasi altro paese arabo».
Gisella Pandolfo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini