Giovedì 21 Gennaio 2021 | 00:25

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

«Pio La Torre era convinto che con i mafiosi non si poteva né convivere e né trattare»

PALERMO - «A distanza di 22 anni dalla sua barbara uccisione, Pio La Torre continua a costituire un esempio emblematico di come la politica possa efficacemente combattere la mafia, e con ciò farsi promotrice e non semplice spettatrice del contrasto a Cosa nostra». Lo affermano i Pubblici ministeri Nino Di Matteo e Domenico Gozzo, che hanno chiesto ed ottenuto la condanna all'ergastolo dei boss Madonia e Lucchese per l'agguato al segretario regionale del Pci, Pio La Torre.
«Pio La Torre - aggiungono i due magistrati - era convinto che con i mafiosi non si poteva né convivere e né trattare, e questo ha sostenuto anche a costo dell'impopolarità. Per questo è stato ucciso».
Al momento della lettura del dispositivo di sentenza, fatto dal presidente della Corte, Renato Grillo, c'erano solo gli avvocati delle parti civili, fra cui il legale che rappresenta la segreteria regionale dei Ds. Mancavano invece i politici.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400