Lunedì 18 Gennaio 2021 | 12:41

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiNel Brindisino
San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

San Pancrazio, nonna Rosa festeggia con la famiglia i 109 anni di vita

 
Potenzaa Castelsaraceno
Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

Bloccati su una parete del Monte Alpi, nel Potentino: salvati due alpinisti

 
BariIl caso
Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

 
FoggiaLieto evento
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Rifiuti - Scontro tra il commissario Catenacci («c'è l'ecomafia») e i manifestanti («siamo persone perbene»)

BELLIZZI (SALERNO) - «Ringraziamo il commissario Catenacci che ha scoperto l' ecomafia in provincia di Salerno»: è ironica la risposta dei rappresentanti del comitato di lotta contro la discarica Parapoti all' affermazione del commissario di governo per l'emergenza rifiuti in Campania, Corrado Catenacci che, in mattinata, aveva detto che intorno ai rifiuti «c'è l' interesse della malavita organizzata».
Ai dimostranti non è andata giù la frase che dietro la manifestazioni ci sono interessi poco limpidi. Due frasi del prefetto Catenacci che, alla stazione di Montecorvino Rovella, presidiata dal pomeriggio di venerdì per impedire il passaggio dei treni, hanno scatenato una vera e propria insurrezione.
«Sono accuse che non accettiamo - dicono in coro alcuni manifestanti - qui siamo tutte persone perbene e nessuno ha interessi con la malavita». La preoccupazione maggiore tra la gente è che, la riapertura del sito, chiuso nell' ormai lontano '91 e per il quale Catenacci ha disposto la riapertura, possa avere gravi conseguenze sulla salute dei cittadini.
Rosetta Sproviero, presidente del comitato "Natura nostra" invita tutti a guardare le analisi disposte dalla magistratura nel 1999 e che accertarono la presenza, a dire della Sproviero, di sostanze inquinanti nei pozzi artesiani della zona.
«E' l' acqua che bevono i nostri figli, è l' acqua con la quale irrighiamo i nostri campi e con la quale coltiviamo la frutta e la verdura che vanno anche al nord - aggiunge Sproviero - Catenacci questo lo sa?».
Il Comitato ha affidato ad un breve comunicato la replica secca alle affermazioni del commissario di governo ma le parti si ritroveranno domani mattina faccia a faccia nel corso di un vertice a Napoli proprio per discutere della opportunità di riaprire lo sversatoio, sul quale erano stati cosparsi metri e metri di argilla, a mò di tappo sulla spazzatura accumulata per anni.
Hanno esumato un cadavere ancora in stato di putrefazione - spiegano al Comitato - i miasmi che avvertiamo in questi giorni sono la testimonianza che qualcosa non va. E se il commissario rilancia sulla necessità di stare in guardia circa il rischio di infiltrazioni malavitose nella gestione dei rifiuti, al comitato ribattono che la guardia non debba essere abbassata mai ma che è necessario fare chiarezza anche su altri aspetti.
«Ci dicano cosa sia finito per anni in quella discarica - aggiungono allarmati - vogliamo sapere tutta la verità. Per noi parlano le decine di casi di persone che si sono ammalate di tumore negli ultimi anni».
Affermazioni che smentirebbero clamorosamente che dietro la manifestazione ci potrebbero essere interessi poco limpidi. «La tutela della salute - dicono - è la tutela di un interesse legittimo, è più che limpido».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400