Venerdì 22 Gennaio 2021 | 18:17

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
HomeCovid 19
Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

Focolaio ad Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
TarantoLa decisione
Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

 
HomeI dati
Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Sei i video girati con gli ostaggi italiani

ROMA - Sarebbero in tutto sei i video girati dai sequestratori nei 58 giorni di prigionia di Salvatore Stefio, Umberto Cupertino e Maurizio Agliana, e nell' ultimo, girato quattro giorni prima della liberazione, Stefio parlerebbe in inglese.
E' quanto è stato reso noto nel corso della registrazione del «Maurizio Costanzo Show» in onda stasera. Nel servizio, che aveva tra i suoi ospiti il commissario straordinario della Croce Rossa, Maurizio Scelli, si parla anche di un fantomatico nordafricano che avrebbe preso in consegna Fabrizio Quattrocchi e lo avrebbe allontanato dagli altri tre ostaggi, Stefio, Cupertino e Agliana e lo avrebbe poi ucciso.

Il video dove Stefio legge il proclama in inglese sarebbe stato consegnato al «rappresentante italiano a Baghdad» quattro giorni prima del blitz che ha portato alla liberazione dei tre ostaggi italiani, quindi presumibilmente il 4 giugno scorso.
Nel corso della trasmissione, durante la quale sono state anche mostrate immagini di Fabrizio Quattrocchi mentre effettua un'azione di pattugliamento e di posto di blocco in Iraq, si è affermato che l'ostaggio italiano, il giorno della sua uccisione, era stato portato via da un «nordafricano». Inoltre, gli ostaggi italiani e quello polacco, al momento della liberazione, erano tenuti prigionieri in una scuola, nel cui cortile - sempre secondo quanto si è appreso nel corso del Maurizio Costanzo Show - era probabilmente piazzato un trasmettitore che avrebbe segnalato agli americani la posizione degli ostaggi.
Dei video con gli ostaggi ha parlato anche il commissario straordinario della Croce Rossa, Scelli, che a margine della trasmissione ha confessato che ogni volta che venivano mostrate nuove immagini degli italiani si inquietava: «i video arrivavano sempre quando avevamo la sensazione che stesse per succedere qualcosa, che la situazione stesse evolvendo positivamente» ha detto.
Nel corso della trasmissione Scelli ha ripercorso le tappe del coinvolgimento della Croce Rossa Italiana nelle trattative per la liberazione degli ostaggi italiani, e ha ribadito la sua certezza che non sia stato pagato alcun riscatto per la liberazione degli ostaggi. Quando si è sparsa la voce del pagamento di una somma, ha detto, ho temuto per la vita mia, degli altri operatori della Cri e degli iracheni che lavorano per noi: il pagamento di un riscatto a quel punto era considerato un tradimento, punito con la morte. Quanto alle polemiche con Gino Strada, Scelli ha ripetuto che «non c' è alcuna crisi», che sarebbe stato ben felice se i rapiti fossero stati consegnati a «Emergency» o a qualunque altra organizzazione umanitaria, e che comunque avrebbe «gradito che il capo di Emergency fosse venuto nell'ospedale italiano a Baghdad a offrire il suo aiuto come chirurgo».
Scelli tornerà in Iraq tra un mese circa, per seguire da vicino il progetto di un centro grandi ustionati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400