Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 04:33

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Società americane coinvolte nello scandalo tangenti nel programma dell'Onu in Iraq "petrolio in cambio di cibo"? Indaga il Senato Usa

NEW YORK - Una sottocommssione del Senato americano ha cominciato a indagare sul presunto scandalo delle tangenti nel programma umanitario dell'Onu in Iraq "petrolio in cambio di cibo" per verificare tra l'altro se società americane sono rimaste coinvolte.
La sottocommissione Affari Governativi ha requisito documenti della banca francese BNP Paribas, che le Nazioni Unite hanno usato per il programma, e ha scritto lettere chiedendo altri documenti al segretario generale dell'Onu Kofi Annan, al Dipartimento di Stato e al proconsole americano in Iraq Paul Bremer.
'Seguiremo la pista ei soldi», ha detto il presidente della sottocommissione, il repubblicano Norm Coleman. «E' chiaro che il regime di Saddam ne ha approfittato. Vogliamo scoprire chi altro».
Il programma Onu petrolio-cibo è scaduto lo scorso novembre: permetteva all'Iraq di vedere petrolio per comprare scorte umanitarie quando il paese era sotto embargo.
In gennaio il giornale iracheno Al Mada ha pubblicato una lista di personalità da oltre 46 paesi accusati di aver approfittato delle vendite di petrolio. In marzo il braccio investigativo del Congresso (General Accounting Office) ha stimato che Saddam ha intascato 5,7 miliardi di dollari contrabbandando greggio nei paesi vicini e altri 5,4 miliardi di dollari spremendo tangenti su contratti altrimenti legittimi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400