Giovedì 25 Febbraio 2021 | 23:56

Il Biancorosso

Biancorossi
Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

Al San Nicola Bari in grigio, ma adesso è vietato fermarsi

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn via Crispi
Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

Taranto, agguato in serata: grave un 20enne ferito all'addome

 
LecceNella notte
Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

Surano, la banda del buco svaligia due negozi in centro commerciale

 
FoggiaIl sindaco
San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

San Marco in Lamis, Covid tra i giovani: 11 positivi tra 1 e 25 anni

 
PotenzaL'incidente
San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

San Severino, pescatore precipita in Bosco Magnano: soccorso dai pompieri

 
BariIl progetto
Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

Bari, Finacantieri investe 26mln: punta su meccatronica e innovazione

 
BatNella Bat
Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

Trani, spaccio di droga in famiglia, coinvolto anche 14enne: un arresto e 3 denunce

 
BrindisiIl caso
Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

Brindisi, giudice arrestato: riesame rigetta ricorso, Galiano resta in carcere

 

i più letti

L'inquinamento atmosferico aggredisce i bambini prima della nascita

ROMA - L'inquinamento atmosferico aggredisce i bambini ancora prima di nascere, nel ventre della loro mamma. Continua poi a far sentire i suoi effetti nocivi sui neonati, fino a determinare un aumento del rischio di mortalità nel primo anno di vita dell'1%.
Questo l'allarme lanciato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità in apertura della 4/a Conferenza su ambiente, salute e infanzia che si è aperta a Budapest. «I danni dello smog - afferma Legambiente commentando i dati che ha acquisito - cominciano insomma a manifestarsi ancora prima che i bambini vengano alla luce e, naturalmente, diventano più pesanti nel caso la mamma sia una fumatrice o esposta al fumo passivo». E allora, secondo il coordinatore scientifico dell'associazione, Stefano Ciafani, «serve un new-deal europeo che metta davvero al centro l'ambiente e che lavori per tutelare la salute, soprattutto quella dei più piccoli».
A livello scientifico, «l'inquinamento atmosferico - ha precisato il dottor Lee Jong-wook, direttore generale dell'Oms - è ormai talmente diffuso a livello mondiale che anche quello che potrebbe sembrare un numero piccolo (1%) tradotto in termini reali diventa in realtà una cifra impressionante: ed è assolutamente inaccettabile che proprio i bambini, i più vulnerabili, siano vittime della nostra incapacità di prendere misure significative a tutela della salute e dell'ambiente».
In tema di inquinamento atmosferico più in generale, l'Oms sottolinea come nelle aree più a rischio, soprattutto i centri urbani e le zone industriali, l'inquinamento atmosferico faccia crescere del 50% tra i più piccoli la possibilità di contrarre patologie acute dell'apparato respiratorio.
«Chi nasce oggi in un'area fortemente inquinata - ha proseguito Lee Jong-wook - sarà con ogni probabilità costretto a fare i conti con una lunga serie di sostanze velenose per tutta la vita. E questo compromette anche la possibilità di una sana vecchiaia».
Ma «la nuova Europa, allargata a 25 - ha concluso quindi Ciafani - può svolgere un ruolo chiave per mitigare l'impatto ambientale di alcuni settori particolarmente energivori, a partire dai trasporti. Proprio sulla mobilità e sull'energia si potrà anzi misurare la voglia della nuova Ue di promuovere davvero uno sviluppo più sostenibile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400