Martedì 26 Gennaio 2021 | 20:46

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
Bariemergenza Covid
Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

Bari, Sos lanciato dalle guide turistiche: «Siamo senza lavoro da due anni»

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

i più letti

Kim Sun, un cultore della lingua araba

SEUL - Kim Sun Il, 33 anni, il sudcoreano ostaggio di estremisti islamici che ne minacciano la decapitazione entro questa sera se Seul non rinuncerà ad inviare altri uomini in Iraq, è un cultore della lingua araba, è cristiano e, secondo l'agenzia sudcoreana Yonhap, alternava il suo lavoro di interprete in Iraq con un'opera di evangelizzazione.
Ha lavorato come interprete in Iraq già nel 2003 e come interprete lavorava, fino a giovedì scorso, giorno del suo rapimento, presso la Gana General Trading, una società sudcoreana con 12 impiegati che fornisce viveri e altri prodotti di prima necessità alle forze americane. Nato nel settembre 1970 a Pusan, città portuale merdionale della Corea del Sud, si è laureato in lingua araba presso la migliore scuola di lingue del suo paese, la Hankuk University of Foreign Studies nel febbraio 2003. Ha studiato anche inglese. In precedenza, aveva studiato teologia nella sua città.
Kim era andato la prima volta in Iraq nel giugno 2003, secondo il ministero degli esteri di Seul, per lavorare come interprete. Secondo alcune fonti, era in Iraq da pochissimi giorni. Contava comunque di tornare a casa il mese prossimo per il settantesimo compleanno del padre. «Dovranno far presto a risolvere la questione», ha detto il padre del rapito, Kim Jong-kyu alla tv sudcoreana MBC. «Per prima cosa, salvare la vita di mio figlio».
Solo pochi giorni fa Kim, settimo di otto figli, aveva telefonato alla madre rassicurandola di star bene e di non correre rischi.
Ma una situazione ben diversa è quella apparsa agli occhi di tutti ieri, mandata in onda dalla tv satellitare araba Al Jazira e poi da tutte le tv sudcoreane e internazionali. Kim Sun Il prostrato, ai piedi dei suoi sequestratori - della Jamaat al-Tawhid wal Jihad, gruppo che fa capo ad Abu Masab al-Zarqawi, considearto uomo di Bin laden iin Iraq - che piange e supplica: «soldati sudcoreani, andate via. Non voglio morire. la mia vita è importante».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400