Domenica 16 Dicembre 2018 | 02:55

GDM.TV

La Danimarca la fa da padrona: 2-0 alla Bulgaria

BRAGA (Portogallo) - La Danimarca è un'avversaria con cui l'Italia dovrà fare i conti fino all'ultimo momento di Euro 2004, pur avendola già affrontata. Gli uomini in maglia rossa battono infatti (e matematicamente eliminano) una Bulgaria quasi nulla, e con un solo punto nel derby scandinavo contro la Svezia, di martedì prossimo, dovrebbero conquistare la qualificazione.
È stato il giorno di Jesper Gronkjaer, il giocatore che contro l'Italia non aveva potuto esserci perché volato in Danimarca ad assistere la madre gravemente malata e poi morta dopo aver raccomandato al figlio di tornare in Portogallo e giocare. Il suo gol di oggi, nello stadio di Braga scavato dentro la roccia, ha avuto quindi una dedica molto speciale, urlata dentro alla telecamera verso cui è corso dopo aver segnato.
Quella conquistata nel fresco di Braga è stata una vittoria perfino troppo esigua nel punteggio, visto il dominio assoluto esercitato dagli uomini di Olsen, trascinati da quindicimila sostenitori al seguito e padroni del campo nel primo tempo. Poi nella ripresa si sono dimostrati meno propensi alla spinta ma comunque in grado di orientare la partita.
Il loro è il successo di un calcio senza stress e nevrosi, dove sei il migliore in campo (Gravesen) e poi scavalchi il parapetto per andarti a fare una foto con delle tifose in tribuna. Lo ha fatto anche Poulsen, al quale gli sputi di Totti devono aver fatto male: infatti Olsen lo ha lasciato in panchina. Così il numero 17 danese invece che abbracciare il 10 azzurro stavolta ha stretto a sé la fidanzata, dalla quale è corso, scavalcando anche lui, subito dopo il fischio finale.
La Danimarca ha cominciato a spingere fin dall'inizio, decisa a chiudere presto la partita e schierata con un 4-3-3 in cui Tomasson ha fatto il centrocampista. Di fronte ha trovato una Bulgaria in cerca di riscatto ma con una costante negativa ricordando il match perso contro la Svezia: un Berbatov troppo solo in avanti e assolutamente non in grado di impensierire i difensori avversari. Per l'ormai ex milanista Laursen annullarlo è stato un gioco da ragazzi.
I bulgari, molto nervosi nella ripresa, quando si sono resi conto di non poter riagguantare la partita (sono fioccate le ammonizioni da parte del fiscale arbitro Batista, e c'è stata l'espulsione di Stilian Petrov per doppio giallo), hanno avuto, come già contro la Svezia, due soli uomini all'altezza della situazione, i soliti Martin Petrov e Jankovich: troppo poco per sperare di non fare le valigie per il ritorno a Sofia. Prima però, martedì 22, ci sarà la sfida contro l'Italia, a cui la Bulgaria rischia di arrivare poco motivata, dovendosi battere solo per l'onore.
Trascinata da un Gravesen superlativo, la Danimarca ha macinato gioco e sfiorato il gol già al 5' con Sand, poi al 10' I. Petkov ha salvato su Joergensen, scambiatosi continuamente di fascia con Rommedahl, fin quando questi non si è infortunato, e poi con Gronkjaer. Proprio quest'ultimo ha mancato di poco l'1-0 al 28', tre minuti dopo un'occasione fallita da Gravesen. La Bulgaria si è fatta viva solo una volta, al 35', con uno shoot di Hristov andatosi a infrangere contro la roccia. Tomasson al 39' ha scartato anche il portiere avversario ma poi ha calciato fuori, cinque minuti dopo si è rifatto con il tocco del gol, segnato su assist di Joergensen, a sua volta lanciato da Gravesen.
Nella ripresa il ritmo dei danesi è calato, hanno badato più al possesso di palla e quindi osato di meno, al punto che in certi momenti i loro tifosi li hanno fischiati: avrebbero gradito un atteggiamento più offensivo. I bulgari hanno picchiato e reclamato un rigore al 38' st per un fallo su Lazarov, ma l'acuto finale, dopo un bel diagonale di C. Jensen fuori di poco, è stato il gol di Gronkjaer scaturito da uno scambio in velocità con Tomasson. In quell'urlo del numero 8 danese, e poi nei suoi occhi che guardavano il cielo, c'era tanta gioia mista a sofferenza.
Alessandro Castellani

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini