Lunedì 18 Gennaio 2021 | 11:42

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDemografia
Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

 
BariIl caso
Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

 
FoggiaLieto evento
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Delle torture si sapeva da novembre

ROMA - Delle torture perpetrate ai danni di prigionieri iracheni nel carcere di Abu Ghraib si sapeva ufficialmente già dai primi di novembre, quando un piccolo gruppo di inquisitori americani che operava in quel carcere cominciò a riferire di abusi, smentendo così la linea difensiva dei vertici militari che hanno sinora dichiarato di essere rimasti all'oscuro di tutto fino a gennaio. E' quanto scrive oggi il 'New York Times', che riporta dichiarazioni di alcuni quadri dell'intelligence militare americana, raccolte in Germania e negli Stati Uniti.
I rapporti stilati a novembre, che riferivano di almeno 20 casi di maltrattamenti, furono redatti da membri del Detainee Assessment Branch, una unità di inquisitori militari che aveva l'incarico di vagliare gli elementi a carico dei prigionieri, per deciderne la detenzione o il rilascio. I rapporti, una serie di memorandum di alcune pagine (dalle due alle cinque) - dicono le fonti citate -, venivano inviati per l'approvazione ad un comitato di tre membri che includeva il generale Janis Karpinski - comandante dell'800/esimo battaglione di polizia militare e comandante di Abu Ghraib, travolta dallo scandalo delle torture e rimossa dall'incarico - e il gen. Barbara Fast, direttore dell'intelligence militare in Iraq.
«Noi denunciavamo questo (gli abusi) molto prima che tutto questo pasticcio venisse fuori», dichiara, citata dall'edizione online del quotidiano, una delle fonti che hanno chiesto l'anonimato nel timore di mettere a repentaglio le proprie carriere. Secondo le fonti, nei rapporti stilati dagli inquisitori venivano riportati almeno 20 casi di abusi. In alcuni casi i detenuti hanno denunciato di aver subito maltrattamenti prima di venire trasferiti ad Abu Ghraib, ma almeno sette casi riportate dai documenti sono stati commessi all'interno del famigerato carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400