Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 04:15

GDM.TV

i più visti della sezione

Europee - Svezia, successo inatteso del movimento euroscettico «Lista di Giugno»

STOCCOLMA - Grande affermazione dei socialdemocratici (all'opposizione) in Danimarca, e vittoria dell'opposizione (conservatrice) anche in Finlandia: ma l'avvenimento, tra i paesi nordici in queste elezioni europee è l'inatteso successo in Svezia della «Lista di Giugno», un movimento «euroscettico» appena nato, al quale i sondaggi attribuivano intorno al 5% dei consensi, e che ne ha raccolti invece il 14,4%, a spese indistintamente di tutte le altre formazioni. Soprattutto a spese dei socialdemocratici del premier Goeran Persson, che hanno registrato una nuova sconfitta, dopo quella delle legislative del 2002.
Il risultato della «Lista di giugno» era quello più atteso in Svezia, dopo una campagna elettorale seguita con interesse molto moderato, anche per l'assenza di candidature di primo piano.
Fondata dal professor Nils Lundgren, 68 anni, economista, la «Lista», sulla scia del «Movimento di Giugno» danese, più che contro l'Ue si batte contro il «centralismo» dell'Unione, contro la Costituzione europea e contro la moneta unica: quello che preoccupa i suoi simpatizzanti è la perdita di influenza della Svezia all'interno dell'Unione. Gli euroscettici svedesi si affermano, tra l'altro, mentre i loro omologhi danesi perdono vigore: il «Movimento di Giugnò, in Danimarca, perde due eurodeputati, e i Socialisti popolari, decisamente anti-Ue, portano a Strasburgo la loro capolista, che è la più «moderata» all'interno del movimento. Il professor Lundgren andrà invece a Strasburgo con altri due colleghi.
«Tutti i partiti tradizionali sono in stato di shock» scriverà oggi lo Svenska Dagbladet, commentando il fatto che tutte le formazioni hanno pagato il loro tributo, in termini di voti, alla «Lista di giugno».
Proprio la perdita di velocità degli anti-europei in Danimarca è stato invece l'aspetto su cui si sono centrati i commenti del premier danese, il liberale Anders Fogh Rasmussen, che esce penalizzato dalla consultazione (-2 seggi), e del suo avversario socialdemocratico, grande vincitore di questa tornata elettorale, Poul Nyrup Rasmussen (+3 seggi): l'uno e l'altro hanno rilevato che ormai i danesi «non si schierano più pro o contro l'Europa, ma discutono piuttosto sul ruolo che la Danimarca deve avere al suo interno».
In quanto alla Finlandia, dove i conservatori - all'opposizione - sono stati premiati rispetto al governo, la vera vincitrice della consultazione è l'ex premier centrista, Anneli Jaatteenmaki, che aveva dovuto abbandonare la sua brevisima esperienza alla guida del governo dopo lo scandalo di una fuga di notizie sulla guerra in Iraq, e che si è presa la sua rivincita raccogliendo un successo personale (146.700 voti) lontanissimo perfino da quello del socialdemocratico Alexander Stubb, che ha raccolto 109mila voti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo