Domenica 16 Dicembre 2018 | 22:06

GDM.TV

Cromo e piombo sui terreni del parco

BARI - Elevate concentrazioni di cadmio, cromo e piombo sono state accertate dalla Procura di Bari sui campioni di terreno prelevati all'interno del neo-istituito Parco dell'Alta Murgia barese. Su 300 ettari di terreni, fino al settembre scorso, sono state smaltite illegalmente decine di migliaia di tonnellate di rifiuti, anche speciali.
E' quanto emerge dalle indagini che stamani hanno portato all'emissione di tre provvedimenti restrittivi agli arresti domiciliari nei confronti di altrettante persone accusate di traffico illecito di rifiuti in forma organizzata su terreni dell'Alta Murgia barese. Sulla vicenda indaga anche la commissione bicamerale d'inchiesta sulle ecomafie.
Lo sversamento di rifiuti fu scoperto nel settembre 2003, quando la magistratura barese dispose il sequestro di circa 300 ettari di terreno nelle località «Cervoni», nelle campagne di Altamura, e «Finocchio», nel territorio di Gravina in Puglia, sui quali erano stati sversati i rifiuti. Nell'ambito dell'inchiesta, nelle scorse settimane, agli undici indagati, tutti accusati di traffico illecito in forma organizzata di rifiuti, reato previsto dal decreto Ronchi, la Procura di Bari fece notificare avvisi di proroga delle indagini. Nell'inchiesta risultano formalmente indagati Silvestro Delle Foglie (arrestato oggi) e sua moglie Sabina Cirone, rispettivamente amministratore di fatto e legale rappresentante della «Tersan Puglia e sud Italia» con sede a Modugno (Bari).
La Tersan è una società autorizzata alla produzione di fertilizzanti per l'agricoltura ottenuti mediante il trattamento di fanghi e rifiuti provenienti da concerie della Toscana e da impianti di triturazione di rifiuti solidi urbani di Caivano (Caserta).
Sono inoltre indagati i quattro autotrasportatori che, secondo l'accusa, hanno materialmente trasportato i rifiuti sulla Murgia (Tommaso, Filippo, Giovanni e Filippo Loporcaro), e i proprietari dei terreni sui quali i rifiuti sono stati smaltiti: Giuseppe Quintano, un suo omonimo, Lucia Mangione e i suoi dipendenti Angelo e Giovanni Nuzzi.
Secondo i pm, la Tersan con i fanghi e i rifiuti che riceveva in cambio di danaro si impegnava a produrre ammendante per uso agricolo. Tuttavia, ritiene l'accusa, non solo riceveva una tipologia di rifiuti che non avrebbe potuto ricevere, ma produceva una qualità di compost che non era utilizzabile in agricoltura. Il compost prodotto veniva quindi,, sempre secondo i pm, venduto come fertilizzante ai Quintano e a una società intestata a una figlia di Delle Foglie, e veniva poi cosparso su terreni non coltivati.
Tersan, invece, ha sempre respinto le accuse: in sostanza spiega di aver smaltito residui di produzione nella zona della Murgia interessata dall'indagine penale ma sostiene che sul materiale depositato sono stati cosparsi successivamente da sconosciuti rifiuti speciali (contenenti materiale plastico) che la società barese non ha mai trattato.
Alcune delle argomentazioni accusatorie sono frutto delle risultanze del dibattimento che il 27 febbraio scorso si è concluso con la condanna in primo grado di Delle Foglie e Cirone, rispettivamente a un anno e due mesi e a sette mesi di reclusione, per violazione delle norme sul trattamento e sullo smaltimento dei rifiuti, di quelle sull'inquinamento atmosferico e per frode nell'esercizio del commercio.
In quel processo i due imputati erano accusati di aver trattato, tra settembre 1998 e novembre 2003, fanghi che non avrebbero potuto trattare perché contenenti metalli pesanti (cadmio, cromo, zinco ed altro); di aver mescolato i fanghi ai rifiuti solidi urbani triturati ricevuti e di aver smaltito il tutto su terreni di proprietà della Tersan a Mariotto, ex frazione di Bitonto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia