Mercoledì 27 Gennaio 2021 | 02:34

Il Biancorosso

Il post-partita
Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

Auteri incontentabile: «Dobbiamo migliorare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'inchiesta
Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

Popolare Bari, slitta a marzo nuovo processo per Gianluca Jacobini e altri 2 dirigenti

 
Foggiatragedia
Orta Nova, donna morta in casa: si pensa ad un omicidio

Orta Nova, donna di 48 anni accoltellata in casa alla gola: sospetti su un 46enne.
A dare l'allarme alcuni vicini Ft

 
Potenzaemergenza Covid
Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

Basilicata, riapertura scuole: intensificare controlli aree di sosta automezzi trasporto pubblico

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

Covid 19 a Taranto, positivi docenti del Conservatorio: sospese le lezioni

 
HomeIl caso
Crolla solaio di un capannone a S. Michele Salentino: un morto. Altri sotto le macerie

Crolla solaio di un capannone a San Michele Salentino: un morto e 4 feriti. Uno è in gravi condizioni

 
LecceIl caso
Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

Lecce, donna morì cadendo dalle scale mentre lavorava: 6 indagati

 
BatL'incidente
Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

Barletta, furgone contro autocarro sulla Sp 21: muore agricoltore 73enne

 
MateraIl caso
Reati contro la Pubblica Amministrazione a Matera: 11 arresti e sequestrati 8,2 mln

Matera, truffa per fondi pubblici in agricoltura: 11 arresti, tra loro funzionari Ismea e Regione Basilicata. 22 indagati e sequestrati 8,2 mln. Le intercettazioni VD

 

Grazie ad un finanziere infiltrato nella cosca

REGGIO CALABRIA - E' riuscito a costruire un rapporto fiduciario con gli uomini della cosca Iamonte, dai quali ha anche acquistato 106 chili di tritolo. E grazie a questi rapporti ha potuto scoprire il traffico di esplosivo ricostruendone i movimenti: un lavoro che si è rivelato determinante, quello condotto da un militare della guardia di finanza infiltrato nella cosca, per l'operazione scattata la notte scorsa e che ha portato all'arresto di 16 persone.
L'inchiesta che ha condotto all'operazione denominata «Bumma» è partita nel marzo scorso ed è stata coordinata dal sostituto procuratore della Dda di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, dal procuratore aggiunto, Franco Scuderi, e dallo stesso procuratore Antonino Catanese.
Le indagini condotte dalla guardia di finanza, dal Gico e dallo Scico di Roma, oltre che dal Sismi, hanno permesso di accertare l' attività della cosca Iamonte di Melito Porto Salvo, particolarmente attiva nel settore della fornitura degli esplosivi.
L'infiltrato, che si è spacciato per un emissario di Cosa nostra, ha tenuto i contatti con tre affiliati del clan Iamonte tramite i quali è riuscito ad acquistare 106 chili di tritolo confezionato in pani da 190 grammi pagandoli 86mila euro. Il militare è anche riuscito a farsi consegnare un panetto di semtex, l'esplosivo usato in molti attentati terroristici di varia natura, allo scopo di avviare una trattativa per l'acquisto di un quantitativo più ingente.
Gratteri, incontrando i giornalisti, ha sottolineato il coraggio del militare della finanza che è riuscito ad infiltrarsi, e la sua capacità di costruire un rapporto fiduciario che ha permesso di scoprire il traffico di esplosivo.
Massimo riserbo, invece, da parte degli investigatori sui rapporti del clan Iamonte ed in particolare sulla possibilità che l'esplosivo, oltre che ad altre organizzazioni criminali, potesse essere ceduto anche a gruppi di terroristi.
Il campione di semtex sequestrato dalla Guardia di Finanza era custodito in un involucro di cellophane, per un peso di mezzo chilogrammo, con all'esterno alcune scritte in carattere cirillico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400