Lunedì 17 Dicembre 2018 | 18:31

GDM.TV

i più visti della sezione

All'Onu un «conclave» per l'Iraq

ROMA - Il presidente americano George W. Bush discute gli sviluppi della crisi irachena, oggi, prima con il presidente del Consiglio italiano Silvio Berlusconi, un amico e un alleato della coalizione, e poi con il presidente francese Jacques Chirac, un nemico dell'attacco a Baghdad.
Bush è protagonista dello sforzo per accelerare i tempi della nuova risoluzione sull'Iraq delle Nazioni Unite, mentre, nei pressi di New York, il Consiglio di Sicurezza ne discute in conclave per 48 ore.
Lo sforzo di Bush, che mira a ottenere la risoluzione prima o in coincidenza del Vertice del G8, in programma da martedì a giovedì della prossima settimana a Sea Island, costituisce una risposta alle sollecitazioni ricevute ieri negli incontri con papa Giovanni Paolo Secondo e con il presidente della Repubblica italiana Carlo Azeglio Ciampi.
Il Papa, interprete discreto ma fermo dell'aspirazione alla pace condivisa da migliaia di manifestanti nelle vie di Roma, come scrive oggi la stampa americana, ha anche messo in rilievo che episodi come gli abusi nelle carceri irachene fanno sì che «né la guerra né il terrorismo saranno mai superati», perché ci vuole un fermo impegno a rispettare i diritti umani.
Bush intende anche raccogliere l'appello del nuovo premier iracheno Iyad Allawi, secondo cui un rapido ritiro dall'Iraq delle forze della coalizione sarebbe «un grosso disastro» perché gli iracheni non sono pronti a gestire la sicurezza del loro Paese. Le parole di Allawi sono giunte con la notizia d'un agguato che ha ucciso almeno cinque militari americani.
La terza bozza della nuova risoluzione, presentata ieri a New York, costituisce un'evoluzione delle precedenti, e non certo una svolta rispetto alle precedenti, e tiene conto delle osservazioni di Cina, Russia, Francia e Germania circa l'effettiva sovranità del nuovo esecutivo iracheno e l'indicazione di un termine alla presenza militare americana e internazionale sul territorio iracheno (fine del processo di democratizzazione e fine della presenza militare coincideranno, entro la fine del 2005).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti