Venerdì 14 Dicembre 2018 | 06:07

GDM.TV

Dal corteo degli antagonisti slogan a favore dell'attentato a Nassiriya

ROMA - «Dieci, cento, mille Nassiriya». Questo slogan è riecheggiato nel corteo degli antagonisti, una delle ali più dure del movimento, mentre sfilava dal quartiere Testaccio verso Piazza Venezia. Tra gli altri slogan anche: «Via, via, via da Nassiriya». Quest'ultimo coro è stato intonato proprio quando il corteo, formato da un migliaio di manifestanti, è arrivato in Piazza Venezia.
Gli slogan a favore della strage di Nassiriya sono continuati anche ai piedi dell'Altare della Patria, nel tratto iniziale di via dei Fori Imperiali. I manifestanti, rivolti ai carabinieri, hanno gridato: «A Nassiriya, andate a Nassiriya» e «Assassini, assassini. Buffoni, buffoni».
In piazza Venezia, intorno alle 13, c'è stato qualche momento di tensione quando alcuni manifestanti a volto coperto hanno scritto con una bomboletta spray nera su un muro laterale dell'Altare della Patria, proprio all'inizio di via dei Fori Imperiali «Assassini» con accanto la A di anarchia.

Il commento di Bernocchi

«Perché non vi siano altre 10, 100 1.000 Nassiriya, l'unico modo è il ritiro delle truppe, altrimenti la resistenza irachena avrà tutto il diritto di sparare sugli occupanti». Così il leader dei Cobas, Piero Bernocchi, commenta gli slogan che inneggiavano a «10, 100, 1.000 Nassiriya» da parte di un gruppo di antagonisti.
«La posizione dei Cobas - ha detto Bernocchi - è che non vi sia nessun'altra Nassiriya, nel senso che le truppe devono ritirarsi e non vi siano più morti, sopratutto tra gli iracheni. Se non sarà così - ha aggiunto - ce ne saranno altri di morti e non potremo pretendere dalla gente solidarietà nei confronti dei nostri morti, perché i morti iracheni sono 10 volte di più».
Il leader dei Cobas ha poi sottolineato che «non c'è alcuno striscione contro Nassiriya e se qualcuno ha gridato quello slogan, non sono stato io. Capisco però il senso, che vuole essere un sostegno, seppur discutibile, alla resistenza irachena. Credo - ha aggiunto - che sia un modo molto crudo di sbattere in faccia a quegli italiani che pensano che la nostra sia una missione di pace che noi invece siamo truppe occupanti. Tra l'altro - ha concluso - anche Bush ha detto che c'è una resistenza legittima».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO