Lunedì 17 Dicembre 2018 | 10:59

GDM.TV

Girone D: Repubblica Ceca, Germania, Lettonia e Olanda

Tra amarcord e curiose novità. Si presenta così il girone D, quarto raggruppamento dell'edizione 2004 del Campionato europeo per nazioni, quest'anno ospitato dal Portogallo. Fanno parte del raggruppamento Germania, Olanda, Repubblica Ceca e Lettonia.
Sulle prime due nazionali il primo (e indelebile) ricordo va alla finale per il titolo mondiale del 1974, epica conclusione di un torneo che vide il successo dei tedeschi e l'esplosione del «calcio mordeno» targato Olanda. Adesso qualcosa è cambiato. La Germania, guidata dall'ex romanista Rudi Voeller ha allestito una selezione «fresca», provando ad epurarla da quelle pedine che avevano comunque lasciato un buon ricordo sulle prestazioni internazionali dei tedeschi. La Germania, all'occhio di tutti, ricoprirà un ruolo da protagonista. In primis per la voglia di riscatto del calcio nazionale germanico che negli ultimi appuntamenti non aveva offerto il calcio grintoso e concreto del passato, seppur centrando la finale nell'edizione nippo-coreana dei Mondiali vinta da Ronaldo e compagni. Lo spirito grintoso non è cambiato, anzi. Leader indiscusso della selezione è il granitico portiere e capitano Oliver Kahn, colonna del Bayern Monaco e della Nazionale. In più ci sarà da verificare le condizioni dell'ariete Ballack, di Klose e di Nowotny, reduci da acciacchi ed infortuni che non gli consentiranno di presentarsi al top della condizione. Non ci sarà Deisler, la fantasia della zona nevralgica del campo per i tedeschi, appena ripresosi dalle crisi depressive che lo hanno afflitto negli ultimi mesi. Da tenere d'occhio gente come Friedrich (Herta Berlino), Frings (Borussia Dortmund) e soprattutto i due attaccanti di ruolo: il bomber Kuranyi dello Stoccarda e la «spalla» Bobic.
L'Olanda di Dick Advocaat vuole cancellare in fretta la prestazione nell'ultima edizione del torneo continentale dove Stam e compagni non lasciarono un buon ricordo. E' pur vero che gli «orange» arrivano in Portogallo solo al termine della vittoria nello spareggio con la Scozia. L'Olanda può disporre di numerosi campioni che fanno le fortuna di club sparsi in tutta Europa, Italia compresa. Senza dimenticare il lavoro dell'Ayax, autentica «fabbrica» di talenti. Il modulo del ct olandese è un secco 4-4-2 con qualche possibile (e leggera) variante. Spazio quindi alla difesa con Stam «uomo-faro» del reparto, con la collaborazione di Reiziger, vecchia (e mai rimpianta) conoscenza del Milan, il colored Bouma ed il guizzante Zenden. Il centrocampo farebbe gola a tanti club: il milanista Seedorf dovrà tenere le redini del settore con il «gioiello» Van de Vaart, il veloce Sneijder ed un campione come Edgar Davids, incredibilmente dimenticato (almeno per ora) dai club italiani. Nulla da dire (anzi è un piacere vederli giocare insieme) per le due punte: Makaay al fianco di Van Nistelrooy, potenzialmente la coppia più prolifica del torneo.
La Repubblica Ceca non vuole essere (e non lo è) Nedved-dipendente. I 23 di Karel Bruckner non conoscono avversari (almeno per quel che riguarda le qualificazioni al torneo): in otto gare, sette vittorie ed un solo pareggio, ventitré gol segnati e solo cinque subiti. Cifre che esaltano la compattezza di un gruppo che vorrà ricoprire un ruolo di primo piano. E forse proprio per questi elementi c'è solo il rischio di vedere una squadra «stanca»: il portiere Cech, l'attaccante Baros, il fantasista Rosicky ed il difensore Grygera sono reduci da infortuni e lo stesso Pallone d'Oro Nedved è indubbiamente entrato in una fase di scadimento di condizione. In avanti il gigantesco Koller è più che una garanzia.
Infine, ecco la sorpresa Lettonia. Pian pianino la nazionale della Repubblica dell'Est ha conquistato una qualificazione ovviamente storica e sicuramente inattesa. Tutta da scoprire quindi una selezione con debuttanti pronti all'assalto per un'occasione, in una vetrina così importante, imperdibile. Gli sconosciuti Verpakovskis (attaccante), Kolinko (portiere), Astafjevs (centrocampista e capitano), cominciano a spuntare sui taccuini degli osservatori del settore. Si contano nelle dita di una mano infatti i calciatori che militano in campionati fuori dal Paese. Gran lavoro quindi per il ct Starkovs: assemblare una selezione così giovane e tenere a bada i «facili entusiasmi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini