Sabato 15 Dicembre 2018 | 21:11

GDM.TV

Fazio: rafforzare la Consob

ROMA - «Contando sulle diffuse e vivaci capacità imprenditoriali, su un ricostituito rapporto di collaborazione con il sistema creditizio, l'industria deve ritrovare il suo ruolo propulsivo, contribuire all'emergere di un nuovo modello di sviluppo».
Il Governatore della Banca d'Italia Antonio Fazio raccoglie al volo la sfida lanciata appena quattro giorni fa dal neo presidente della Confindustria. Luca di Montezemolo che giovedì aveva usato un esplicito «fare squadra» fra banche e imprese e, davanti alla platea della centodecima assemblea della Banca d'Italia, rilancia: «il sistema bancario deve avere la forza per dare sostegno in questa difficile fase congiunturale alla produzione e agli investimenti; può contribuire all'inversione della tendenza». Linea diretta, quindi, fra banchieri e imprenditori, ma senza dimenticare il ruolo del sindacato, coinvolto in una sorta di santa alleanza per il rilancio del paese. «Un rinnovato rapporto di collaborazione tra le parti sociali - spiega Fazio - può tornare a guardare allo sviluppo in un orizzonte di medio termine». «E' indispensabile il mantenimento di una moderazione salariale che salvaguardi il nesso con la produttività». Il ragionamento di Fazio si snoda lungo un percorso che spesso coincide con quello del numero uno di Confindustria: investimenti nella ricerca, mezzogiorno, made in Italy, crescita delle imprese, sostegno alle esportazioni. La relazione non lesina critiche alla situazione dei conti pubblici, con l'indebitamento netto previsto fino al 3,5% del Pil, l'avanzo primario in calo, un debito pubblico «molto alto» ed una bocciatura preventiva nei confronti di politiche di bilancio espansive finanziate con il disavanzo. Ma il tono complessivo concede margini di speranza («non può venire meno la capacità di guardare al futuro con ottimismo»), a condizione che la cooperazione fra banche, imprese e parti sociali possa contare su «una prospettiva di politica economica chiara, sicura, basata su dati concreti e su interventi ben definiti, largamente condivisi, inseriti in una visione di lungo periodo».
L'impianto delle considerazioni finali, le dodicesime dell'era Fazio, non si limita alla tradizionale analisi politico-economica, dedicando un ampio inserto a difesa del sistema di controlli messo alla prova dalle vicende Cirio e Parmalat. In tema di tutela del risparmio - è il teorema di Bankitalia - c'è necessità di rafforzare il sistema interno ed esterno dei controlli e le risorse della Consob. Anche la verifica presso alcune banche, avviata da Via Nazionale, su richiesta della stessa Consob, ha dimostrato - secondo il Governatore - che «una parte preponderante delle contrattazioni esaminate» dimostra che sono stati «soddisfatti gli adempimenti prescritti».

TANDEM BANCHE-IMPRESE PER RILANCIO COMPETITIVITA' - «La tendenza flettente della produzione industriale può mettere a rischio la stabilità di un numero crescente di imprese marginali» rileva Fazio. E quindi «il sistema bancario deve avere la forza per dare sostegno in questa difficile fase congiunturale alla produzione e agli investimenti». Deve «migliorare la sua capacità di assistere le nostre imprese nell'espansione all'estero». Il ruolo delle banche deve spingersi fino a supportare «le imprese in difficoltà ristrutturarle e valorizzarle». Gli imprenditori devono però compiere un salto dimensionale perché «la frammentazione della struttura produttiva limita l'aumento della produttività, l'attività di ricerca, lo sviluppo di prodotti innovativi e tecnologicamente avanzati, la conquista di nuovi mercati».
CONTI PUBBLICI A RISCHIO ASPETTANDO IL DPEF - In assenza di correzioni nel 2004 il rapporto fra deficit e pil «eccederà il 3%» e «potrebbe portarsi fino al 3,5% del prodotto». Tanto che - ammonisce Fazio - «il Governo non esclude la possibilità di provvedimenti di contenimento degli squilibri di bilancio nella seconda metà dell' anno». «E' necessario per le parti sociali, per le imprese e per le banche - sollecita il Governatore - un quadro di riferimento definitivo e condiviso. Il prossimo Documento di programmazione economico-finanziaria deve poter dare indicazioni al riguardo». Ma attenzione a non abbassare la guardia. «L'andamento dei saldi dei conti pubblici e il volume del debito ostacolano la possibilità di politiche di bilancio volte a sostenere la domanda interna attraverso un ampliamento del disavanzo». E ancora l'abbassamento della pressione fiscale «deve trovare fondamento in una riduzione delle spese correnti in rapporto al prodotto».
RISPARMIO: FIDUCIA NEL PARLAMENTO, PIU' RISORSE A CONSOB - «Guardiamo con rispetto alla disamina in atto: siamo certi che le decisioni del parlamento consolideranno la fiducia dei risparmiatori». Fazio suggerisce di «accrescere le risorse assegnate all'Autorità di vigilanza sulle società e sui mercati affinché possa tempestivamente e sistematicamente accertare il corretto funzionamento delle procedure gestionali e la qualità dei dati resi al mercato». Dopo i crac Cirio e Parmalat «occorre procedere a rafforzare il sistema dei controlli interni ed esterni sulle società».
BANCHE PROMOSSE, PIU' CREDITO E SOSTEGNO AL SUD - Sostanziale promozione per il sistema bancario. I prestiti alle imprese sono cresciuti nel 2003 del 6,3% e il costo del denaro si colloca su valori molto bassi, con i tassi sui prestiti a breve, medio e lungo termine scesi di 0,8 punti rispettivamente al 5% e al 4%. Le condizioni di offerta «sono rimaste espansive» e di questo - sostiene Fazio - hanno beneficiato in particolare le imprese del Mezzogiorno. L'aumento dei prestiti «è nettamente superiore a quello delle imprese del centro-nord».
Andrea Morelli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini