Sabato 15 Dicembre 2018 | 07:27

GDM.TV

Napoli-Bari senza reti ed emozioni

NAPOLI-BARI 0-0

Napoli (4-4-1-1): Manitta, Zamboni, Portanova, Carrera, Cvitanovic, Del Grosso, Bernini, Esposito, Vidigal, Zanini (37' st Martinez), Dionigi (40' st Sesa). (27 Brivio, 22 Quadrini, 14 Olive, 8 Marcolin, 19 Pasino). All. Simoni.
Bari (4-4-1-1): Battistini, Candrina, Dou Dou, De Rosa, Anaclerio, Valdes (40' st Lipatin), Markic, Pizzinat (37' st Collauto), Mora, Bruno, De Franceschi (17 st Cordova). (12 Spadavecchia, 3 Ingrosso, 5 Neqrouz, 77 Motta). All. Pillon.
Arbitro: Preschern di Mestre.
Angoli: 3 a 0 per il Napoli.
Recupero: 2' e 4'.
Ammoniti: Candrina per gioco scorretto e Dionigi per simulazione.
Spettatori: 10 mila.

NAPOLI - Grazie al ventiquattresimo pari stagionale, il Napoli conquista la salvezza con due giornate d'anticipo in uno stadio semideserto. Non sono mancate le contestazioni e gli striscioni contro il presidente Salvatore Naldi. Il Bari, che avrebbe dovuto vincere per migliorare la sua posizione di classifica ed assicurarsi così un finale meno burrascoso non si è dannato l'anima più di tanto. Ne è scaturito uno scialbo pareggio.
Gli uomini di Pillon nella prima frazione di gioco non mordono: rare le apparizioni nell'area napoletana, con azioni lente e prive di pericolosità. Dal canto suo, la squadra di Gigi Simoni, almeno ci prova. Zanini tra i migliori in campo.
L'avvio del match è lento, quasi soporifero, solo qualche spunto sull'asse Cvitanovic - Vidigal vivacizzano l'incontro. Il primo timido tentativo degli azzurri al terzo minuto quando Zanini effettua un passaggio filtrante per Vidigal che arriva in leggero ritardo e viene anticipato dal portiere avversario. Al 9' lo stesso Zanini batte un calcio di punizione che Dionigi devia di testa debolmente. Al 27' è ancora Zanini a liberarsi sulla sinistra e a crossare per il capitano che colpisce, ma la conclusione è centrale.
Un minuto dopo è ancora il Napoli a farsi vedere, traversone di Bernini dalla destra, Dionigi ci riprova ma Battistini si esalta e devia in angolo. Al 31' botta su punizione di Zamboni dai 25 metri, il portiere ospite si salva d'istinto.
Secondo tempo targato Bari. Al 4' è Valdes che penetra da sinistra nell'area azzurra ma Zamboni lo affronta: il biancorosso va giù ma Preschern fa segno di proseguire. Un minuto dopo è sempre il cileno del Bari a provare la conclusione ma la palla termina alta e non di molto. All'11 ci riprova Zanini ma nulla da fare, dieci minuti dopo è Vidigal che colpisce di testa debolmente con la palla che finisce tra le braccia del portiere avversario. Verso la fine Pillon prova ad inserire la terza punta ma la partita non cambia.
L'ultima azione è del Napoli, ma il tiro di Martinez termina di poco fuori. La partita finisce. Fischi al San Paolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori