Venerdì 22 Gennaio 2021 | 17:49

Il Biancorosso

Biancorossi
Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

Auteri e la C infuocata del Bari: «Volevo proteggere il gruppo»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

HomeCovid 19
Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

Adelfia, 28 contagi in una Rssa: una settimana fa i vaccini nella struttura

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
TarantoLa decisione
Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

Mittal, stabilizzazione oraria per 200 lavoratori dell'indotto. Tar: chiusura nastri in quota al 31 gennaio

 
HomeI dati
Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

Allarme Xylella, altre 93 piante infette tra Taranto, Brindisi, Cisternino e Ostuni: «È inarrestabile»

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
PotenzaIl caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

Arabia Saudita - Il fratello: l'ultima e-mail tre giorni fa

GIUGLIANO (NA) - «Non avevamo preoccupazioni, lui ci rassicurava. Stava bene». A fare da "portavoce" della famiglia di Antonio Amato, il cuoco di Giugliano assassinato in Arabia Saudita, è il fratello di Antonio, che, in attesa dell'arrivo del prefetto, è uscito dalla villetta solo pochi minuti per parlare con i giornalisti. La famiglia è chiusa in casa, in una villetta un po' fuori mano in una stradina di Varcaturo. A 500 metri un elicottero sorvola la zona, dove stamattina c'è stata la manifestazione per l'emergenza rifiuti. I carabinieri si sono già dati il cambio, mentre continua la lenta processione di parenti e amici che entrano per fare le condoglianze.
La notizia della morte di Antonio, spiega l'uomo, «l'abbiamo appresa dai Carabinieri di Lago Patria. Mia sorella è andata lì visto che aveva saputo che c'era stato l'attentato, e quindi abbiamo chiesto se c'erano notizie di mio fratello». Antonio, ricorda il fratello, «era partito un paio di mesi fa. Diceva che era tutto tranquillo, che non c'erano problemi». «Stava bene -ribadisce-, l'altra sera aveva mangiato a tavola con Confalonieri. L'ho sentito l'ultima volta tre giorni fa, tramite e-mail. Non ci sentivamo mai per telefono», dice. E aggiunge: «Noi della famiglia non avevamo preoccupazioni perchè lui ci rassicurava dicendo che non c'erano problemi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400