Lunedì 10 Dicembre 2018 | 00:37

GDM.TV

i più visti della sezione

Morto Umberto Agnelli - Le conseguenze per il Gruppo. Il titolo schizza in Borsa. Il prossimo numero uno potrebbe essere l'attuale amministratore delegato Giuseppe Morchio

MILANO - Il futuro della Fiat dopo la morte di Umberto Agnelli tiene banco in Piazza Affari, dove il titolo chiude con un deciso rialzo del 2,26% a 5,79 euro. Speculazione, dicono i più dalle sale operative. Dove si sottolinea come l' amministratore delegato Giuseppe Morchio abbia saldamente in mano la situazione, e come sarebbe azzardato da parte della famiglia Agnelli mollare ora il Lingotto al suo destino nel momento di massimo sforzo dell' azienda nell' opera di risanamento. «I programmi sono avviati, ridiscuterli appare improbabile», dice un operatore.
Ma se per alcuni quella di oggi è stata nei mercati una giornata all' insegna dell'emotività, per altri i giochi sul futuro dell' azienda torinese si possono riaprire. Ed è per questo che i mercati tornano a scommettere. In fondo, sottolinea un operatore di quest' altra minoritaria schiera, oggi sono passati di mano 23,292 milioni di azioni, quasi il triplo della media giornaliera dell' ultimo mese, il 2,9% del capitale.
L' attenzione della Borsa non ha peraltro riguardato soltanto il titolo Fiat, ma tutti quelli legati alle vicende del Lingotto. In questo ambito, mentre la Juventus ha segnato un secco rialzo del 5,83% sulla scia della notizia dell' ingaggio di Fabio Capello, le casseforti di famiglia Ifi e Ifil hanno terminato anch' esse in deciso progresso. Ifi ha chiuso in crescita del 2,14%, Ifil è salita dell' 1,71. Segno meno, invece, per le banche più esposte con il prestito convertendo nel timore che siano costrette a convertire i crediti in azioni registrando minusvalenze in bilancio. Così, Intesa ha ceduto l' 1,77% chiudendo a 2,94 euro, San Paolo Imi ha lasciato sul terreno l' 1,48% a 9,37 euro, Unicredit lo 0,80% a 3,83. Meglio è andata a Capitalia, che ha terminato la seduta sostanzialmente invariata (-0,08% a 2,41 euro).
Insomma, gli occhi sono comunque puntati sul futuro. «Non cambierà granchè nel processo di ristrutturazione - sostiene deciso un analista -. E' possibile che a livello di equilibri complessivi le banche prendano più il sopravvento, ma le linee essenziali del piano sono state decise anche di concerto con le banche». «Certamente ci sono delle incertezze sul futuro del gruppo - dice invece Christophe Laborde, analista di Ing Group -. La scomparsa di Umberto Agnelli crea incertezza sull'andamento del piano di salvataggio e sull'impegno della famiglia Agnelli verso la società. Con la scomparsa dei due fratelli non sappiamo più cosa farà la famiglia, neppure per quel che riguarda la quota Fiat in possesso di Ifil».
Convergono invece le opinioni sul fatto che il timone sia sempre più in mano a Morchio. «Il piano è stato realizzato da lui - sottolinea un altro analista - e anche nell'azionariato non dovrebbero esserci grandi cambiamenti. Tanto più che è abbastanza improbabile che il pool di banche del prestito convertendo esercitino un'opzione che le porterebbe al 27% circa di Fiat, visto che i prezzi di esercizio a 10 euro sarebbero molto svantaggiosi». «C'è però un quadro di incertezza per quel che riguarda le scelte strategiche di fondo della società - dice infine un altro analista milanese -. Chi prende la decisione finale in merito al put con Gm? O si ipotizza che Morchio proceda in piena autonomia per poi proporre i propri piani all'assemblea dei soci, o si pensa a una sorta di tutorato delle banche che affianchi John e Lapo Elkann ancora troppo giovani per questo ruolo. Alessandro Profumo di Unicredit, dopo le recenti dichiarazioni, potrebbe ritenersi un candidato di alto profilo per il ruolo di socio istituzionale di Fiat al fianco di Ifil».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti

 
Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
Porto di Taranto, ecco l' ingresso spettacolare della portaerei Cavour

Porto di Taranto, ecco l'ingresso spettacolare della portaerei Cavour