Lunedì 18 Gennaio 2021 | 09:25

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Manfredonia, il vaccino non c'è: cittadini in ansia

Manfredonia, il vaccino non c'è: cittadini in ansia

 
PotenzaLa decisione
Foto Tony Vece

Potenza, causa neve chiuse tutte le scuole il 18 gennaio

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

NEL TARANTINO

ORCHI, FATE E SIRENE FRA BARBE, FIORI E UCCELLI IN QUEL DI MANDURIA

Una studiosa inglese che venne dalle nostre parti sul finir dell'Ottocento, raccolse miti e leggende di bel sapore in quel di Manduria…Ecco così gli orchi: erano vecchi e con la barba bianca, le unghie simili ad artigli, e con i denti aguzzi come lunghissimi chiodi. Vivevano, gli orchi, nelle viscere della terra. Facevano però degli scherzacci, pur essendo sepolti nel cuore della terra. Molte volte difatti risalivano in superficie ma non interamente: facevano venir fuori solo le orecchie che somigliavano, nella campagna coltivata, a cavolfiori. I ragazzi , e le ragazze, che se n'andavano in giro per le campagne erano incuriositi da quei cavolfiori. Li tiravano e, all'improvviso, vedevano apparire il terribile orco. Se la davano allora a gambe, promettendo ai loro familiari che mai più se ne sarebbero andati soli per le immense campagne pugliesi.
Le fate invece erano piccolo donnine che però assumevano forme ora d'uccello ora d'un fiore ora d'una scopa di ginestro. Quelle buone fate portavano all'umanità felicità, ricchezze ed amore. C'erano però anche le fate cattive, le quali portavano guerre, malattie e discordia in famiglia.
Bellissime invece erano le sirene, con il corpo metà pesce metà essere umano: apparivano con i capelli disciolti e parlavano con voce angelica. I loro canti erano melodiosi e bellissimi i vestiti sicché, con i canti e le vesti, riuscivano ad attirare i poveri uomini e se li portavano con loro nell'infinita profondità del mare. Chissà se orchi, fate buone e cattive e bellissime sirene esistono ancora in quel di Manduria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400